Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALMAGGIORE

Day hospital oncologico, venerdì stop alle cure

Mancano i medici per coprire i turni: prestazioni dal lunedì al giovedì

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

14 Novembre 2019 - 08:52

Day hospital oncologico, venerdì  stop alle cure

CASALMAGGIORE (14 novembre 2019) - La riduzione da cinque a quattro giorni di somministrazione delle terapie al day hospital oncologico sta preoccupando, e non poco, gli ammalati, che temono ulteriori depotenziamenti se non addirittura la chiusura del reparto. Un’idea che contrastano con la massima risolutezza. «Il day hospital dell’ospedale Oglio Po è per noi malati oncologici la nostra seconda casa - dicono i pazienti -. Qui veniamo accolti da medici e infermieri con modi gentili e premurosi e veniamo curati con scrupolosa professionalità e competenza. In questo luogo, dove non mancano sofferenze fisiche e psichiche, si respira ‘aria di casa’, perché ognuno di noi viene chiamato per nome, perché ad ogni turno di terapia si ritrova il proprio letto, perché le volontarie ci offrono té, caffè e dolcezze varie, perché le infermiere ci assistono con benevolenza, perché i medici sono incoraggianti, mai spietati anche quando devono dire dure verità. Dunque noi malati ci aspettiamo di trovare le porte della nostra seconda casa sempre aperte perché questo ci fa sentire protetti, accuditi, e ciò allieva le nostre ansie e le nostre paure».
C’è, però, un ‘purtroppo’. «Purtroppo - continuano gli ammalati - negli ultimi tempi abbiamo assistito con rammarico e preoccupazione alla riduzione dei giorni di erogazione del servizio. Non più cinque, ma quattro giorni di apertura, dal lunedì al giovedì». Da precisare che il day hospital non è chiuso al venerdì, eroga altre prestazioni che non siano quelle di cura oncologica.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • themitch

    15 Novembre 2019 - 06:12

    Spendono miliardi per accogliere chi non si sa poi tagliano i servizi essenziali per cui i cittadini pagano le tasse!

    Report

    Rispondi