Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

PIADENA DRIZZONA

Scuolabus, minoranza all'attacco sul regolamento del servizio

«Questa amministrazione sceglie di essere dura con i più fragili: invece di recuperare i crediti, anche a costo di essere impopolare, sceglie di appiedare un bambino»

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

03 Ottobre 2019 - 16:33

Minoranza all'attacco sul regolamento dello scuolabus

Uno scuolabus

PIADENA DRIZZONA (3 ottobre 2019) - Il gruppo di minoranza ‘Piadena Drizzona - Una comunità che cresce’ torna a prendere posizione sul regolamento del servizio scuolabus. «Nell'ultimo consiglio comunale - esordiscono i consiglieri comunali guidati da Ivana Cavazzini - l’attuale amministrazione in carica ha approvato il nuovo regolamento del servizio scuolabus prevedendo che se i genitori non riescono a pagare la retta, il servizio ai bambini deve essere sospeso anche "per educare le famiglie" al rispetto delle regole. Noi abbiamo votato contro perché è certamente dovere delle famiglie pagare il servizio ma nel momento in cui una famiglia per qualsiasi motivo non riesce a pagare noi crediamo che il bambino debba comunque essere trasportato a scuola garantendo il diritto allo studio (previsto per legge!) e nel contempo l’amministrazione debba interfacciarsi con la famiglia per recuperare i soldi non versati. Invece questa amministrazione ha uno strano modo di intendere l'educazione delle famiglie, ovvero umiliare i bambini ed eventualmente comprometterne il diritto allo studio, se questi non hanno modo di raggiungere la scuola con altri mezzi». Continua la minoranza: «Questa amministrazione sceglie di essere dura con i più fragili: invece di recuperare i crediti, anche a costo di essere impopolare, sceglie di appiedare un bambino, e non è detto che il debito venga saldato. Contestualmente ai nostri concittadini farà piacere sapere che, pur potendo aggiornare i costi alla tariffa inferiore, l’attuale amministrazione ha deciso di aggiornarli a quella più alta, prendendo due piccioni con una fava: danneggiare contemporaneamente gli ex cittadini di Piadena per il mancato ribasso e quelli di Drizzona per l’aumento. Quando si dice l'equità! Linea dura su tutti i fronti!». 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400