Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IL CASO

Casalmaggiore come Trump, negati i cambiamenti climatici

In consiglio comunale non passa la richiesta di Fazzi di dichiarare l'emergenza climatica

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

27 Settembre 2019 - 07:23

Casalmaggiore come Trump, negati i cambiamenti climatici

CASALMAGGIORE (27 settembre 2019) - Il Comune di Casalmaggiore non dichiarerà l’emergenza climatica e ambientale, come era stato chiesto dal gruppo di minoranza Il Listone con una mozione. Il consiglio comunale mercoledì sera ha infatti respinto la richiesta: a favore hanno votato il presentatore del documento e consigliere comunale Alberto Fazzi e i componenti di CNC-Vappina, mentre il sindaco Filippo Bongiovanni e il presidente del consiglio comunale Pier Francesco Ruberti si sono astenuti. Il resto della maggioranza ha votato contro.

Fazzi, introducendo il punto, ha precisato di non avere «la pretesa di modificare il clima» e ha aggiunto che l’attuale situazione ha indotto ad attivare «un sistema economico sostenibile, circolare, per non compromettere le generazioni successive. Se entro il 2030 non saremo di fare fronte ai problemi, gli effetti saranno irreversibili». La richiesta era di intensificare le azioni per la messa al bando della plastica monouso entro il 2021, di adottare significativi interventi che favoriscano la rigenerazione urbana ed energetica degli edifici e che contrastino il consumo di suolo, individuando anche aree ove piantumare nuovi alberi. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400