Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

AGOIOLO. LA STORIA

Meglio la laurea del concorso di Miss Italia

Cristina Fiorello abbandona le selezioni del prestigioso concorso di bellezza per concentrarsi sull'università: «Ma il mondo della moda resta il mio hobby e la mia passione che continuerò a coltivare anche in futuro»

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

01 Agosto 2019 - 07:55

Miss Italia, Lascio per gli studi

Cristina Fiorello

AGOIOLO/CASALMAGGIORE (1 agosto 2019) - Cristina Fiorello, 21enne di Agoiolo, ha detto stop alle passerelle. «Non continuerò a partecipare alle selezioni per Miss Italia, perché preferisco concentrarmi nei miei studi di Giurisprudenza. Non smetterò, comunque, di coltivare la mia grande passione, la moda».
«Cristina - spiega la mamma Angela -, oltre a divertirsi, si è tolta diverse soddisfazioni durante le selezioni per Miss Italia, salendo più volte sul podio». È arrivata terza, seconda (Miss Rocchetta Bellezza) e ancora terza a Saronno. Diverse le sue partecipazioni a eventi collegati al prestigioso concorso. A Lovere è scesa nuovamente in passerella a Lovere per la fascia di Miss Italia Cinema. Tanti gli apprezzamenti, ma il primo posto che le avrebbe consentito di passare alle prefinali non è arrivato.
«Ieri - ci dice ancora Angela - siamo stati ad una agenzia di moda a Milano e ci hanno detto che verrà chiamata. Vedremo». Però l’obbiettivo principale di Cristina resta la laurea in Giurisprudenza. Ed è inevitabile pensare ad un’altra ragazza del territorio, Valeria Patelli, che fu finalista di Miss Italia ’99 mentre studiava proprio Giurisprudenza. La Patelli, dopo diverse esperienze anche in tv, si laureò diventando avvocato, con studi a Mantova e Piadena. E adesso è anche sindaco del suo paese, Calvatone. Un po’ una storia in parallelo: anche la Patelli aveva partecipato per divertimento al concorso, ma tenendo ben fermo il suo obbiettivo vero, la laurea.

[GUARDA LA FOTOGALLERY]

[VOTA QUI IL SONDAGGIO]

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400