Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALMAGGIORE

Gatti, record di abbandoni

Allarme e appello degli 'Angeli della Bassa': troppi randagi da sfamare

Davide Bazzani

Email:

mteschi@laprovinciacr.it

07 Agosto 2015 - 12:05

Gatti, record di abbandoni

CASALMAGGIORE — «Quella in corso è una delle estati peggiori dal punto di vista degli abbandoni di gatti». A dirlo sono gli ‘Angeli della Bassa’, un gruppo di volontari che da due anni si prende cura delle colonie feline sparse sul territorio, occupandosi dell'aspetto alimentare e sanitario. «Siamo impegnati anche in direzione di una costante e crescente campagna a favore delle adozioni e della sterilizzazione, finalizzata alla diminuzione dell'avvilente fenomeno dell'abbandono e del randagismo. Sono tantissimi i mici che i nostri volontari hanno trovato di persona o che ci sono stati segnalati e che abbiamo cercato di stallare presso alcune case in attesa di adozione». Ci sono stati anche dei casi per i quali gli ‘Angeli della Bassa’ non hanno potuto fare nulla e che hanno costretto chi ha effettuato i ritrovamenti a rivolgersi ai gattili presenti nel territorio. «Tutti questi abbandoni — dicono — sono un'inciviltà e denotano la scarsa predisposizione alla sterilizzazione. Sterilizzare non è contro natura, è preservare il proprio animale da malattie e pericoli conseguenti ai cicli di fertilità». In quanto agli abbandoni, «ci sorprende enormemente come vada disatteso l’articolo 727 del codice penale che non solo vieta questo atto crudele ma viene sanzionato con ammende se non con il carcere. Ed è incredibile come venga ignorata la consuetudine di chi, con l'abbandono, mette a repentaglio le vite altrui», rischiando «accuse di omicidio colposo» in caso di tragedie. Gli ‘Angeli della Bassa’ lanciano un appello a «quanti se lo possono permettere di venirci incontro per aiutarci a stallare le tante creature ritrovate in attesa di poterle far adottare. Ovviamente «chi volesse far un gesto di adozione è a maggior ragione ben accetto». Quanti, anche con donazioni di cibo e medicinali, volessero dare una mano, possono contattare gli ‘Angeli’ tramite la loro pagina Facebook. Sono comunque «ancora tante le persone che amano gli animali ed è proprio questa convinzione che ci spinge ad andare avanti». L’obiettivo del gruppo non è quello di sostituirsi agli enti preposti alla tutela degli animali, ma di essere loro di supporto. «In Comune è operativo da giugno 2013, al centro servizi del cittadino, lo sportello sui diritti degli animali».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400