Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Settimana della legalità, gli studenti del Torriani protagonisti

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

30 Novembre 2020 - 18:57

Settimana della legalità, gli studenti del Torriani protagonisti

CREMONA (30 novembre 2020) - Parte domani la settimana della legalità istituita dal Cpl di Cremona di cui è capofila il Torriani. E' solo l'inizio di un lungo e sicuramente proficuo percorso che guiderà e stimolerà gli studenti ad essere Giovani Cittadini Monitoranti (questo il titolo del progetto cui danno un contributo tutte le scuole aderenti.). Ogni istituto ha individuato un ambito, un percorso in cui stimolare il senso critico dei propri studenti, per aiutarli ad essere monitoranti, ovvero controllare e tutelare la legalità; come si può vedere dalla locandina che riassume questi lavori, i temi principali sono l'ambiente, il cibo, il patrimonio artistico, ovvero risorse che devono essere tutelate e difese dalle infiltrazioni della criminalità organizzata. Ed è con i primi risultati di questi progetti che gli studenti assisteranno al momento culminante di questi giorni ovvero l'incontro l'incontro online con Dario Vassallo, fratello di Angelo, il sindaco pescatore. Tutti possono seguire questo evento dalle 10,00 alle 11,30 di sabato 5 dicembre dal sito del Torriani.

Lo chiamavano il sindaco pescatore perché, di mestiere, faceva con il fratello l’ imprenditore in ambito ittico, perché amava il mare e si impegnava per tutelarlo dall’ inquinamento. Angelo Vassallo era stato sindaco di Pollica (Salerno), nel Cilento, per tre mandati a cominciare dal 1995, eletto con il Pd. Lo era ancora la sera del  5 settembre 2010 quando qualcuno, mentre rientrava a casa, al volante della sua auto, gli ha scaricato addosso il caricatore di una calibro 9.21 mai ritrovata: nove colpi, troppi – hanno notato subito gli inquirenti-: un’ esecuzione insolitamente feroce.

Da dieci anni si indaga su quell’ omicidio che subito ha fatto pensare agli inquirenti che quell’ esecuzione avesse a che fare con il senso civico, talvolta anche burbero di Angelo Vassallo, con il fatto che si batteva per la salvaguardia ambientale, cosa che aveva fruttato a Pollica–Acciaroli bandiere blu e rilancio turistico ma che avrebbe potuto portare il sindaco in rotta di collisione con interessi illegali della zona.

In particolare Vassallo si era ripetutamente speso contro lo spaccio di stupefacenti. Ed è su questa pista – quella di una vendetta di camorra nell’ ambito del traffico di droga -,  che, a quanto si apprende, sono al momento concentrate le indagini, cui da qualche settimana sarebbero stati aggiunti tre nuovi indagati, oltre al già noto Damiani De Paula detto "il brasiliano", già detenuto per altri reati. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400