il network

Martedì 12 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


OLMENETA. LA STORIA

Ha visto la morte in faccia. Ora fa il volontario

Scelta di cuore del 32enne Stefano Cappelli dopo l'incidente stradale: «Sono un miracolato e adesso voglio aiutare i giovani disabili»

vv

Stefano Cappelli (nel riquadro rosso) e la sua macchina dopo l'incidente

OLMENETA (28 maggio 2019) - Rischia di perdere la vita in un incidente stradale e la vicenda lo tocca nel profondo tanto che decide di rinunciare alle vacanze estive con la fidanzata per fare volontariato con i bambini disabili. È la scelta del 32enne di Olmeneta Stefano Cappelli, giovane che a gennaio è rimasto coinvolto in un terribile fuoristrada lungo la Quinzanese. «Sono in debito con il destino – racconta Cappelli – e credo nella teoria del dare e avere: mi sono cappottato quattro volte e la mia Dacia è finita in un fossato. Ma ne sono uscito con solo dei graffi sulla testa. Sono stato miracolato e quindi è giusto che ora faccia qualcosa di significativo e concreto per il bene degli altri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

27 Maggio 2019

Commenti all'articolo

  • arcelli

    2019/05/28 - 13:01

    Bellissima storia ed esempio di come,eventi drammatici,possano dare una svolta positiva alla vita. Tanti auguri!!!!

    Rispondi

  • marco

    2019/05/28 - 11:11

    Complimenti !

    Rispondi