Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

PIEVE D'OLMI. LA STORIA

Erasmus in ‘carrozzina’, Rebecca ce l’ha fatta

E’ la prima universitaria della provincia con disabilità ad accedere al programma. I corsi in Spagna, l’impegno della famiglia e dell’ateneo di Parma

Fabio Guerreschi

Email:

fguerreschi@laprovinciacr.it

29 Gennaio 2019 - 07:38

Erasmus in ‘carrozzina’, Rebecca ce l’ha fatta

PIEVE D'OLMO - Rebecca Pini è la prima studentessa in carrozzina dell’università di Parma (prima nella nostra provincia) partita per sei mesi con l’Erasmus. Destinazione la facoltà di Lettere e filosofia dell’università di Extremadura a Càceres, in Spagna.

La sua esperienza farà da apripista ad altri studenti con ‘bisogni speciali’ che hanno il desiderio di scoprire il mondo. «Ci sono stati momenti di sconforto – racconta Rebecca – non è stato facile ottenere un ‘sì’, ma alla fine ci siamo riusciti. Tutto è iniziato lo scorso anno accademico, quando ho detto a mia mamma che sarei voluta partire per studiare all’estero. Ho affrontato Lpt (il test per accedere al bando Erasmus, ndr) e ho ottenuto il risultato di 97/100».

Dal punto di vista accademico, Rebecca, che frequenta il secondo anno della facoltà ‘Civiltà e Lingue straniere e moderne’ all’Università degli studi di Parma, aveva tutte le carte in regola per poter partire. Ma il fatto di essere in carrozzina è stato sicuramente un ostacolo. Grazie al sostegno di mamma Giovanna e papà Dionigi si è attivata una fitta rete tra l’ateneo di Parma, l’ufficio Erasmus e l’azienda sociale cremonese grazie a Michela Dalmiani (referente per la disabilità) che ha creato un progetto ad hoc in parte finanziato dalla Regione Lombardia.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400