Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

OFFANENGO

'Aiutateci ad aiutare Doriana'

Vittima di un ictus 28 anni fa quando aveva appena 19 anni. 'Donate un'ora a settimana'

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

22 Luglio 2016 - 08:11

'Aiutateci ad aiutare Doriana'

Doriana con i suoi ‘angeli custodi’ al ristorante in occasione delle sua ultima festa di compleanno

OFFANENGO — Doriana aveva 19 anni ed era prossima a prendere il diploma di scuola media superiore, amava la musica e la lettura, era una ragazza vitale, con tanti amici. Aveva anche un amore, Doriana. Un ictus le ha distrutto la vita e infranto sogni e ambizioni. E’ accaduto 28 anni fa, e da allora, nonostante molte operazioni chirurgiche e tanto amore da parte della famiglia e della trentina di amici che si alternano nell’assisterla, non si è più ripresa del tutto. Non ha perso voglia di vivere, curiosità e smalto, neppure il sorriso e la curiosità verso le cose del mondo, che segue con voracità attraverso il computer. Ma da sola, proprio non ce la fa. Deve costantemente fare esercizi di mobilità alle braccia e alle gambe e in questo è aiutata, oltre che dalla famiglia anche da un una trentina di amici che si alternano a casa sua a turni di un’ora ciascuno. Accade, però, un po’ per le vacanze e un po’ per gli impegno quotidiani di ognuno di loro, che i turni non siano più sufficienti a coprire tutte le necessità. Da qui la decisione di uno di essi — appoggiato in questo dalla famiglia — di reclutare nuovi amici. «Cerchiamo volontari per aiutare Doriana», spiega, sottolineando che si tratta «di un impegno molto relativo ma che può essere di grande soddisfazione». Chiede «un’ora alla settimana del vostro tempo: per lei vuol dire riuscire a farle fare piccoli movimenti». In cambio, assicura, «voi riceverete, così come è capitato a me, molto di più sotto il profilo umano. Non sono richieste particolari competenze ma solo la voglia il desiderio di condividere questa esperienza con altri volontari che vi accoglieranno nella casa di Doriana con gioia e serenità». Le mattine sono coperte dalla famiglia, l’aiuto serve di pomeriggio e di sera. Chi volesse rispondere all’appello, può farlo contattando telefonicamente mamma Mina al numero 0373.789679.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400