Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA CURIOSITA'

Zorro si riprende la Z di Putin col sorriso

Torna il raduno a Oristano, in migliaia con il regista Martinez

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

24 Aprile 2022 - 10:07

Zorro si riprende la Z di Putin col sorriso

ORISTANO - Putin e la propaganda russa hanno "rubato" la zeta a Zorro. E centinaia, forse migliaia, di Zorro sono pronti a riprendersela. Con la spada? No, con l’ironia. "Perché Zorro alla fine riporta la giustizia non con le armi, ma con il sorriso», spiega all’ANSA il regista Filippo Martinez, ideatore del terzo raduno mondiale di Zorro il 28 maggio a Oristano e già autore sulle reti Mediaset di Sgarbi quotidiani. Sì un vero e proprio raduno di uomini e donne che si presenteranno nella città di Eleonora con mascherina, mantella nera e baffi veri o disegnati. L’hanno già fatto due volte, nel 1984 e nel 2004: diciotto anni fa erano più di tremila. Ma questa primavera sarà speciale. Perché c'è stata una "provocazione», quella zeta sui carri armati dei russi in Ucraina.

Così, lo scorso 11 aprile l’Università di Aristan, ateneo inesistente (ma che spesso e volentieri diventa reale con iniziative come questa) e «metafisico» inventato da Martinez, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook questo appello: «Caro Zorro, ti sei sempre battuto con coraggio astuzia e ironia contro l’arroganza del potere, per questo la zeta è diventata un simbolo di giustizia per tutti gli oppressi; ora però Vladimir Putin, applicando la tua zeta sui suoi ordigni di morte, ne ha ribaltato completamente il senso trasformandola in un simbolo di ferocia e sterminio». Da qui la richiesta di soccorso: «La fluttuante Università di Aristan che, come sai, con i suoi corsi di Scienze della Felicità e di Prevenzione dell’Idiozia Esagerata, assegna lauree in Teoria e Tecniche di Salvezza dell’Umanità, oggi ti chiede formalmente di restituire il senso originario alla tua nobile zeta profanata. Ritorna. Ti aspettiamo».

Il rettore, sempre Martinez, spiega che si tratta di un appello «contro l’uso pornografico della zeta». Quella zeta, insomma, che da segno di giustizia si è trasformata in ingiustizia. Il senso è quello, ma il tono è un altro. «Noi - corregge subito il regista - bypassiamo la retorica con un gesto poetico». Il tema di questa edizione in compenso è molto diretto: «La zeta è mia! Io sono Zorro». Tutto è pronto o quasi pronto: tante le iniziative in programma ma Martinez le svelerà piano piano. Intanto arrivano richieste di informazioni e prenotazioni: la sfida (di pace) con baffi e mascherina a Putin parte della Sardegna. (ANSA)

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400