Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

ECONOMIA

Lavoro povero, l’Italia è al quarto posto in Europa

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

22 Gennaio 2022 - 14:09

Lavoro povero, l’Italia è al quarto posto in Europa

MILANO - Secondo i dati della Relazione del Gruppo di lavoro sugli interventi e le misure di contrasto alla povertà lavorativa in Italia, la situazione lavorativa nel nostro Paese è critica. Il documento analizza le cause all’origine della povertà lavorativa.

L’Italia è il quarto Paese messo peggio per “lavoro povero”, dopo Romania, Spagna e Lussemburgo. Lavoro povero significa che una persona pur avendo un impiego fa difficoltà a guadagnare abbastanza per vivere e rimane sotto la soglia di povertà  fissata sui 12 mila euro l’anno.

I LAVORATORI POVERO SONO IL 12%.

I cosiddetti “lavoratori poveri” italiani sono il 12% fra i dipendenti e il 17% fra gli autonomi, salgono poi al 22% tra chi lavora part-time. I guadagni annui sono bassi sia per la scarsa retribuzione oraria, ma anche per  colpa dei contratti brevi, della scarsa continuità lavorativa e anche dell’esplosione del tempo parziale involontario, ma imposto ai lavoratori.

Le donne si confermano le più penalizzate, la quota di lavoratori “poveri” è molto più alta tra le donne che rappresentano il 27,8% dei lavoratori, rispetto agli uomini che sono il 16,5%.

Il Governo sta pensando a ulteriori misure a sostegno del reddito: ad oggi solo il 50% dei lavoratori poveri in Italia ha un sostegno al reddito, mentre la media europea è del 65%.

Misure come il reddito di cittadinanza e gli 80 euro di integrazione allo stipendio fissati da Renzi non sono abbastanza per aiutare chi è davvero in difficoltà. Tra le proposte in discussione c’è quella di garantire i salari minimi, anche stabilendo un salario minimo per legge e introdurre dei benefit per chi lavora, incentivando l’occupazione regolare e contrastando il lavoro nero, spesso utilizzato “per arrotondare”. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400