Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Una nuova concezione di architettura per il futuro delle nostre città

Agenzia Italpress

Email:

redazione@laprovinciacr.it

16 Dicembre 2021 - 18:53

Una nuova concezione di architettura per il futuro delle nostre città

PALERMO - C'è in gioco il futuro delle nostre città in relazione ai cittadini. Una proposta di fratellanza per l'architettura giunge da "Il Giuramento di Pan", titolo del volume dell'architetto ligure Gianluca Peluffo, ormai noto per progetti innovativi come la nuova Moschea di Sokhna in Egitto, che nel suo libro veste i panni non del teorico, ma del pensatore inquieto che evidenzia il ruolo estetico-politico del mestiere. Il giuramento di fratellanza si delinea intorno all'idea che l'architettura sia il luogo di incontro fra il sentire individuale e il sentire collettivo di una comunità. In questo libro Peluffo affronta il tema della contemporaneità nel rapporto tra città, individuo e paesaggio attraverso un'architettura che definisce "genealogica", dotata di corpo e anima e capace di creare stupore come meccanismo di condivisione e felicità. La Fondazione Federico II, questa volta, diventa il trait d'union tra l'architettura, l'arte e la collettività, stimolando il dialogo tra creatività, territorio e cittadini. Un'idea di architettura come chiave fisica e spirituale di una rinascita collettiva, partendo dalla convinzione che la felicità dell'essere umano sia possibile solo nella relazione con gli altri e con il mondo. Il nostro corpo non è nato per il monologo, ma per le differenze e per l'incontro di quelle differenze. Attraverso spazio e linguaggio, questa "fusione di orizzonti" anti-individualista persegue l'obiettivo della "costruzione del cittadino". In tal senso il ruolo politico dell'architettura, secondo l'autore, è non solo perseguibile ma inevitabile, un "destino" dentro alle cose fisiche e spirituali del costruire. Nel testo si individua un percorso genealogico dell'arte italiana, o in senso più generale mediterranea, che in modo trasversale e interdisciplinare crea questo meccanismo estetico-politico. Peluffo parla di architettura eretica, ove eresia è una scelta dissonante dal comunemente accettato, pertanto "più vicina alla contemporaneità rispetto al pensiero conforme". "Oltre alla materia - dice Gianluca Peluffo - esiste l'anima, lo spirito, che costituisce, nel rifiuto dell'opposizione tra corpo e spirito, il cuore dell'idea di architettura che propongo di praticare. Questa architettura si costituisce come luogo di incontro corporeo, spaziale e spirituale tra individuo e collettività". "Presentiamo questo volume - afferma Gianfranco Miccichè, presidente della Fondazione Federico II - perché attraverso il giuramento di Pan, Peluffo pone un tema a cui non possiamo più sottrarci: l'architettura del presente e del futuro che determinerà il destino delle nostre città. Sono d'accordo con l'autore quando ritiene che la tecnologia da sola fallisce. Non esiste oggi una rivoluzione tecnologica capace di determinare un linguaggio architettonico. L'architettura ha il dovere etico di mettere in connessione il sentire individuale e quello collettivo, l'uomo e il mondo, mettendo in forma la specificità dei luoghi e la loro connessione con l'uomo". "Siamo convinti come l'autore - dice Patrizia Monterosso, direttore generale della Fondazione Federico II - che l'architettura sia costruzione nello spazio di materia fisica, di simboli, di forme, di dialogo con il tempo. L'architettura così come la materia non è un'astrazione è fatta di fisicità, di tradizione e di visioni. Gianluca Peluffo e il suo libro ci ricordano che l'architettura deve essere sempre pubblica, in quanto strumento di crescita collettiva. La Fondazione Federico II, ancora una volta, - continua Monterosso - fa un'operazione di investimento, in termini di idee, energie e sinergie a favore del territorio". "Il Giuramento di Pan di Gianluca Peluffo - afferma Maurizio Carta, professore di Urbanistica - è un testo rivoluzionario nel senso proprio del termine perché guida il lettore verso una traiettoria attorno all'architettura sedotti dalla sua forza gravitazionale. Dialogherò con Gianluca Peluffo su come questo moto abbia bisogno di nuove mappe per orientarsi nelle città che sono il 'corpo' su cui si svolge la rinnovata fratellanza etico-politica dell'architettura e dell'urbanistica". Peluffo, sin dalle prime pagine, del volume definisce il cosiddetto Movimento moderno un "libretto di un'opera tragica, un disastro puritano, moralista, consumistico, invasivo, esclusivo, servile...Regole nate e dettate da un mondo industriale e tecnologico nemico dell'uomo". Peluffo parla di un'architettura serva senza più un padrone visibile. L'architetto tuttavia tiene a precisare che la sua proposta non è "contro", non nasce come opposizione, ormai tardiva, ai disastri ormai dimenticati: il Giuramento di Pan nasce, invece, "per un'idea di architettura eretica, in quanto contro le regole vigenti, di lettura, di critica, del mercato, di produzione, o creazione dell'Architettura del Presente". "Credo profondamente nell'intersoggettività - afferma ancora Peluffo - sono convinto che la vita degli uomini inizi ed abbia un senso solo nella relazione con l'altro. In questa relazione il linguaggio è chiaramente l'invenzione primaria, infantile, essenziale e, soprattutto, significante. L'architettura è un corpo fisico e materico che dialoga e parla attraverso il proprio linguaggio. La sua corporeità e la sua propensione alla sensualità e al dialogo implicano una capacità di definire, inventare un linguaggio specifico per ogni condizione. Stralinguaggio è proprio quell'invenzione che sia capace di includere e sintetizzare l'enorme quantità di informazioni da cui siamo sommersi in ogni specifica condizione. Quest'azione inclusiva, sintetica e creativa garantisce le condizioni dell'incontro fra l'individuo e la collettività, che è l'azione fondativa dell'architettura, allo scopo di rendere felici gli esseri umani". . fsc/com 16-Dic-21 18:42

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400