Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS. LA PREVENZIONE

AstraZeneca agli over 80 sani? La Lombardia apre

Lo ha detto il direttore generale del Welfare di Regione Lombardia, Giovanni Pavesi

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

24 Marzo 2021 - 16:37

AstraZeneca agli over 80 sani? La Lombardia apre

MILANO - «Noi, come altre regioni, stiamo orientando anche AstraZeneca sugli over 80 che non hanno patologie particolari. Lo dice lo stesso Ministero della Salute con una circolare di una settimana fa, che dice che AstraZeneca può essere utilizzato anche a chi ha più di 65 anni». Lo ha detto il direttore generale del Welfare di Regione Lombardia, Giovanni Pavesi, nel corso di un’audizione alla Commissione Sanità del Consiglio Regionale lombardo. A proposito invece della possibile apertura delle Rsa, Pavesi ha spiegato: «Ancora oggi le Rsa sono considerate strutture a rischio, anche se tutti gli ospiti e gli operatori sono vaccinati. In questo momento le indicazioni del Ministero della Salute sono quelle di mantenere il massimo della protezione di queste strutture. Capiamo le esigenze di ospiti e famiglie, vedremo se ci saranno delle evoluzioni».

A proposito infine della vaccinazione dei disabili, il dg dell’assessorato al Welfare Giovanni Pavesi ha spiegato che «stiamo mettendo in campo degli strumenti che ci permettano di intercettare la totalità della disabilità. Abbiamo istituito in ogni ATS un 'Vax manager' per l'area della disabilità, che possa essere riferimento sia per le associazioni che per le famiglie che ritenessero di non essere state contattate dal sistema delle vaccinazioni».

«Per quanto riguarda gli utenti delle strutture residenziali e semiresidenziali per disabili, sono state somministrate 105.641 dosi. Sono a buon punto, anzi sono più avanti le vaccinazioni del personale. Auspichiamo di completare questo percorso nelle prossime settimane». Lo ha detto l'assessore alla Famiglia e Pari Opportunità, Alessandra Locatelli, nel corso della sua audizione in Commissione Sanità del Consiglio Regionale della Lombardia. «In questo momento - ha aggiunto - c'è una gravissima carenza di vaccini Pfizer. Ci auguriamo di procedere speditamente con l'arrivo dei nuovi vaccini, soprattutto per andare incontro alle persone più fragili, visto che tante persone sono in attesa del proprio turno. Entro il mese di aprile attiveremo anche una fase di vaccinazione a domicilio per le persone più fragili».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400