Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CRONACA

Piacenza, ragazzini aggrediscono Polizia e Cc dopo controllo

Un militare e un agente sono finiti al pronto soccorso. La sindaca Patrizia Barbieri: vile e inaccettabile

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

20 Agosto 2020 - 15:16

Piacenza, ragazzini aggrediscono Polizia e Cc dopo controllo

PIACENZA (20 agosto 2020) - Pattuglie di polizia locale e carabinieri sono state aggredite nel tardo pomeriggio di ieri a Piacenza da un gruppo di ragazzini adolescenti, italiani e stranieri, una quindicina in tutto tra cui minorenni. Un carabiniere e un agente sono anche finiti al pronto soccorso a causa di alcuni traumi riportati durante l’aggressione. È accaduto durante un normale controllo in un giardinetto pubblico alla periferia della città, dove alcuni residenti avevano chiamato le forze dell’ordine per un consistente assembramento di giovani. Vigili e carabinieri, quando hanno chiesto i documenti per l'identificazione, sono stati insultati e spinti da alcuni ragazzi. Il più violento del gruppo, durante i momenti di tensione, è stato caricato su un’auto di servizio per essere portato al comando. A questo punto gli amici, che non si esclude fossero sotto effetto di droghe e alcol, hanno scagliato bottiglie di vetro contro le pattuglie, e due agenti sono rimasti contusi. Il ragazzo fermato è stato poi denunciato a piede libero, ma proseguono le indagini e la ricostruzione dei fatti che potrebbe presto portare a nuovi provvedimenti nei confronti degli altri.

«Sono certa di dare voce a tutti i cittadini onesti, che riconoscono il lavoro prezioso e insostituibile delle forze dell’ordine, nel definire vile e inaccettabile questo attacco, che fortunatamente non ha avuto conseguenze più gravi». Così il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri, che ha voluto sincerarsi personalmente delle condizioni di salute dell’agente di Polizia Locale e del carabiniere rimasti feriti, commenta l’aggressione subita ieri pomeriggio durante un’attività di controllo che ha visto impegnate diverse pattuglie. «Non possiamo tollerare né che un quartiere debba sentirsi ostaggio di chi non ha alcun rispetto dei luoghi pubblici o delle altre persone, né che si verifichino simili, incresciosi episodi di spregio e violenza nei confronti di chi indossa una divisa e, rappresentando la legge, tutela ogni giorno, con grande spirito di servizio e sacrificio, il nostro diritto alla convivenza civile» ha concluso il primo cittadino. «Ribadisco la tolleranza zero verso tutte le persone che non rispettano le forze dell’ordine e che hanno comportamenti scorretti e a volte criminali, come in questo caso, che vanno a minare la sicurezza di un quartiere che non merita queste situazioni» ha commentato Luca Zandonella, assessore alla sicurezza del Comune di Piacenza. (ANSA)

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400