Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CRONACA

Strage di via D'amelio: Palermo ricorda Borsellino e gli agenti della scorta

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

19 Luglio 2020 - 09:32

Strage di via D'amelio: Palermo ricorda Borsellino e gli agenti della scorta

PALERMO (19 luglio 2020) - Quasi tutte virtuali, a causa del Covid, le iniziative per ricordare la strage di via d'Amelio in cui 28 anni fa morirono il giudice Paolo Borsellino e 5 agenti della scorta. Tra le iniziative, i contributi video del Movimento delle Agende Rosse, che saranno trasmessi in streaming sui social. La Questura di Palermo ricorderà le vittime dell'attentato con iniziative a cui parteciperanno autorità militari e civili. Questa mattina saranno deposte corone di alloro sulle tombe dei caduti presso i cimiteri di Palermo.

«Il giudice Paolo Borsellino, con l'amico e collega Giovanni Falcone, è il simbolo dell’Italia che combatte per la giustizia e la legalità. L’immagine sana di un Paese che non si arrende di fronte alla mafia. Nel 28esimo anniversario della sua vile uccisione, ricordarne lo straordinario impegno per la legalità e onorarne la memoria, insieme a quella degli agenti della Polizia che con lui persero la vita nell’attentato, vuol dire non arretrare di un solo passo nella quotidiana lotta alla criminalità. Vuol dire soprattutto non rendere vano il sacrificio di uomini e donne coraggiosi che hanno servito lo Stato fino all’estremo sacrifico». Così il sottosegretario di Stato alla Difesa Angelo Tofalo in occasione dell’anniversario della strage di via D’Amelio. «Da quei tragici giorni sono trascorsi 28 anni, una generazione. Il dolore e la commozione sono ancora vivi. Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, i loro nomi e il loro coraggio resteranno per sempre indelebili nella coscienza degli italiani - scrive Tofalo - Oggi rendiamo omaggio a chi rappresenta il più alto esempio di fedeltà alle Istituzioni. Sono la nostra stella polare, ci hanno lasciato una grande eredità di valori e nel loro ricordo troviamo ogni giorno la forza di perseguire, senza mai perdere di vista, la via dell’onestà e di compiere scelte chiare e coerenti».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400