il network

Domenica 17 Gennaio 2021

Altre notizie da questa sezione


POLITICA

Governo alla prova su Bonafede, Iv alza posta con Conte

Pd-M5s, se sfiducia Senato è crisi. Ipotesi rimpasto con Boschi

Governo alla prova su Bonafede, Iv alza posta con Conte

ROMA (20 maggio 2020) - Governo alla prova, questa mattina alle 9,30 in Senato, sulla mozione di sfiducia del centrodestra al Guardasigilli Bonafede. Pd e M5s avvertono Italia Viva: se voterà la mozione si aprirà la crisi. In quel caso - ha insistito ieri sera il presidente della Camera Roberto Fico - "si apre un problema politico e una crisi di governo, quindi penso che non avverrà". Ieri pomeriggio la capogruppo Iv a Montecitorio Elena Boschi per due ore a Palazzo Chigi. Questa mattina, prima del dibattito parlamentare, l'assemblea dei senatori di Italia Viva. Matteo Renzi tiene fino all'ultimo alta la tensione. Non scioglie la riserva sulle mozioni di sfiducia ad Alfonso Bonafede, nonostante un incontro a Palazzo Chigi di Maria Elena Boschi con Giuseppe Conte. Il premier intende concedere a Italia viva il "riconoscimento politico" chiesto, non per paura di una crisi ma per poter andare avanti fino al 2023 - dicono dal governo - senza frizioni. Rimpasto è l'ipotesi che più circola in queste ore. Sarebbe stata respinta, secondo fonti renziane, la proposta di un posto di sottosegretario alla giustizia per Lucia Annibali o Gennaro Migliore. Mentre circola il nome di Maria Elena Boschi per un ministero. Ma dopo l'incontro con Boschi i renziani ribadiscono di attendere ancora un "segnale" sui temi della giustizia. "Aspettiamo di ascoltare Bonafede e poi parla Renzi", è la linea della vigilia. M5s fa scudo al ministro, così come il Pd che però gli chiede un cambio di passo. Sia Vito Crimi che Graziano Delrio, come il ministro Francesco Boccia, dicono che se passerà la sfiducia, si apre la crisi di governo. In pochi credono che Renzi arriverà fino a questo punto. Ma i numeri risicati della maggioranza e il rischio di un incidente contribuiscono ad agitare la vigilia. Boschi entra a Palazzo Chigi due volte nella stessa giornata. Prima incontra il capo di gabinetto del premier, Alessandro Goracci, per consegnargli le proposte di Iv, poi viene ricevuta da Conte. E, secondo fonti renziane, registra "passi in avanti" sul piano shock per le infrastrutture (un tema su cui la maggioranza concorda ma che gli alleati non vogliono 'lasciare' a Renzi in un decreto ad hoc) e sul Family act. Ma sulla Giustizia, aggiungono, si attende ancora "un segnale". Il che vuol dire, secondo diverse fonti di maggioranza: rimpasto. Boschi al posto di Bonetti? E' una delle ipotesi in circolazione. Un ministero ad hoc, sarebbe la richiesta dei renziani. In maggioranza c'è chi è contrario a concedere tanto. E nel M5s è opinione diffusa che, qualsiasi cosa si conceda, Renzi non smetterà la sua guerriglia per logorare il governo e farlo cadere. A riprova viene presa la quarta di copertina del suo nuovo libro in uscita, "la Mossa del cavallo", in cui si torna a parlare di "riscrivere insieme le regole del gioco" e di una nuova sfida politica. Ma Conte intende sminare un percorso già di per sé irto di insidie e far proseguire la legislatura, di qui la concessione di un riconoscimento politico. Intanto però, mentre Bonafede scrive il suo intervento e registra "attestati di stima", non si smina la vigilia del voto. Iv si riunirà in assemblea per decidere, solcata da due tendenze, una governista e una barricadera: "Saremo compatti", assicurano. Tra le ipotesi c'è anche l'uscita dall'Aula. Ma i numeri sono talmente "corti", che l'incidente è dietro l'angolo. Gli ultimi conteggi accreditano tra i 150 e i 151 voti per la maggioranza senza Iv e 144 per la mozione presentata da Emma Bonino per +Europa con Azione e Fi. E' questo il voto che impensierisce, più di quello sulla mozione unitaria del centrodestra. Perché potrebbe attrarre, oltre ai 17 senatori di Iv (ma nel gruppo ci sono opinioni diverse), anche 5 o 6 senatori del Misto considerati incerti, tra cui ex M5s come Ciampolillo e Giarrusso, e poi nomi come Pier Ferdinando Casini e Tommaso Cerno. I socialisti, rappresentati al Senato da Riccardo Nencini (in quota Iv), chiedono le dimissioni del ministro pena il voto di sfiducia. Secondo il renziano Roberto Giachetti, anche alcuni senatori Dem e Leu sarebbero "nervosi", in dissenso sulla linea di Bonafede sulla giustizia. In serata Andrea Marcucci riunisce i senatori Pd ed emerge in effetti malcontento per come lavorano, senza consultare gli alleati, sia Bonafede che la titolare della scuola Lucia Azzollina. "Il metodo di Bonafede non ci piace", dice Marcucci. Ma da qui a votare la sfiducia ce ne passa. "Non ci sono motivi né di merito né di metodo, ma superata questa fase - dicono dal Pd - serve un cambio di passo con riforme di giustizia penale, civile, del Csm e dell'ordinamento penitenziario". M5s intanto fa quadrato. Se si apre la crisi, si va a votare, dicono dal Pd. Ma "la mozione sarà largamente respinta", dice il ministro M5s Federico D'Incà. E Luigi Di Maio si spinge a parlare di "maggioranza compatta".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

20 Maggio 2020