il network

Giovedì 28 Maggio 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus: Gallera, dati confortanti ma stiamo a casa

L'assessore lombardo: "Se la curva scende è perché abbiamo avuto un atteggiamento serio e rigoroso quindi bravi a tutti, adesso è arrivato il momento non solo di non mollare ma di insistere ancora di più"

Coronavirus: Gallera, dati confortanti ma stiamo a casa

MILANO (31 marzo 2020) - «Sicuramente le notizie sono confortanti. Se la curva scende è perché abbiamo avuto un atteggiamento serio e rigoroso quindi bravi a tutti, adesso è arrivato il momento non solo di non mollare ma di insistere ancora di più». Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, in collegamento a Mattino Cinque parlando dei dati dei contagi da Coronavirus in Lombardia. «Andiamo bene, quello che stiamo facendo sta producendo risultati, sugli accessi al Pronto soccorso, sul numero dei casi positivi. Certo il tema degli spazi nelle terapie intensive e sub intensive è ancora in grande sofferenza e ahimè il numero di decessi continua a essere alto - ha concluso -. Stiamo a casa, questo è il momento più delicato, rischiamo di vanificare gli sforzi fatti fino a oggi». 

«Le mascherine adesso in Lombardia le produciamo, abbiamo chiesto alle nostre aziende di riconvertire parte delle loro produzioni, ma siccome le mascherine devono bloccare i germi vengono testate dal Politecnico», ha spiegato Gallera. «Del primo prototipo che è andato in produzione una azienda lombarda ne produce 900 mila al giorno. Stiamo attendendo e vorrei che fosse sbloccato l’ultimo ok definito dell’Istituto superiore di sanità - ha concluso - perché ne stiamo già facendo produrre 900 mila al giorno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

31 Marzo 2020

Commenti all'articolo

  • germana

    2020/03/31 - 11:28

    Grazie assessore di tenerci informati sul grande lavoro che state facendo

    Rispondi