Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CRONACA

Sardine: prof minaccia gli studenti, scuola prende le distanze

Il ministro: «Ho attivato gli uffici del Miur per verificare i fatti e procedere con provvedimento immediato alla sospensione del docente»

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

23 Novembre 2019 - 15:05

Sardine: prof minaccia gli studenti, la scuola prende le distanze

Sardine a Palermo

L’istituto superiore di Fiorenzuola d’Arda prende le distanze dall’insegnante che con un post su Facebook ha minacciato gli studenti nel caso avessero preso parte domani al flashmob delle sardine previsto in città in concomitanza con una visita elettorale di Matteo Salvini. La dirigenza dell’istituto, si legge in una nota, «preso atto della notizia che si sta diffondendo sui social riguardo le affermazioni di un proprio docente, comunica di aver già informato del fatto gli organi superiori dell’amministrazione scolastica al fine di adottare le misure opportune. Si sottolinea l’estraneità della scuola dalle affermazioni del docente in questione». Un docente, secondo quanto denunciato dal viceministro dell’Istruzione, Anna Ascani, avrebbe minacciato i suoi alunni con un post sul suo profilo Facebook. Il post che ha scatenato polemiche e reazioni a catena è stato poi rimosso e il profilo chiuso.

«Educare al rispetto dei principi della Costituzione - ha sottolineato il ministro Fioramonti - è uno dei fondamenti dell’istituzione scolastica, tra questi vi sono certamente il diritto a manifestare liberamente il proprio pensiero ed a partecipare alla vita pubblica secondo i modi garantiti dalla Costituzione stessa. La scuola è inclusiva e, per definizione, deve educare al pensiero critico e indipendente. Anche il corpo docente, nell’esercitare la sua importantissima funzione, deve attenersi a questi principi, trasferendoli agli studenti, per non venir meno ai suoi doveri. Non sono perciò assolutamente ammissibili condotte lesive di tali valori, o che addirittura mettano a rischio la fiducia della comunità scolastica». Che ha aggiunto: «A tutela dei diritti degli studenti e della stessa scuola ho attivato gli uffici del Miur per verificare i fatti e procedere con provvedimento immediato alla sospensione». 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • themitch

    24 Novembre 2019 - 08:21

    Mi sto chiedendo : se fosse successo per il comizio della sinistra cosa avrebbe fatto il ministro? Probabilmente non si sarebbe letta nemmeno la notizia sui giornali e avrebbe proposto una promozione al professore, questo perché viviamo in uno stato "democratico" a senso unico!

    Report

    Rispondi