il network

Domenica 25 Ottobre 2020

Altre notizie da questa sezione

Blog


CRONACA

A Bologna, il primo trapianto mondiale di vertebre

Il paziente 77enne era affetto da una forma maligna di tumore osseo

Bologna, primo trapianto mondiale vertebre

Il primo trapianto al mondo di vertebre umane è stato eseguito in Emilia Romagna, all'istituto ortopedico Rizzoli di Bologna, su un paziente di 77 anni. L'intervento risale a più di un mese fa e ha riguardato un paziente affetto da cordoma - forma maligna di tumore osseo che ora sta bene ed è stato dimesso. L'équipe medica ha sostituito una parte di colonna vertebrale con 4 vertebre conservate nella banca regionale del tessuto muscolo-scheletrico.

«Questa operazione l’ha salvato», ha spiegato Alessandro Gasbarrini (il direttore della Chirurgia vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo del Rizzoli) in conferenza stampa. «Dopo tre giorni dall’intervento il paziente era in piedi, sulle sue gambe». Ora, dopo la fisioterapia, cammina in autonomia. L’intervento è durato circa 12 ore e ha coinvolto in sala operatoria 20 persone, anche se un centinaio sono quelle che sono entrate in gioco nelle varie fasi pre e post operatorie. Il paziente, a causa del tumore, rischiava paralisi, dolori invalidanti e andava incontro alla morte. L’obiettivo, che ha portato all’operazione da primato, era quello di togliergli il tumore e al contempo di poter permettere di effettuare radioterapia, quindi il paziente non doveva avere innesti metallici, di titanio o altro, al posto delle vertebre. «Abbiamo ricostruito la colonna vertebrale nel modo più simile alla conformazione naturale - sottolinea Gasbarrini - ripristinando un’anatomia perfetta grazie all’impianto di un osso con struttura identica a quello che abbiamo dovuto togliere a causa del tumore. Sostituire tessuto umano con tessuto umano è in linea generale quanto c'è di meglio per l’organismo, e questo vale anche per le ossa», ha aggiunto, ma «non sempre è la soluzione possibile e quindi è necessario ricorrere a impianti di materiali artificiali». Da questo punto di vista, finora le vertebre sono state sostituite anche con diafisi di femore, quindi un altro tipo di osso, con una struttura diversa da quella della vertebra e una minore possibilità di integrazione. Ora invece, l’impianto delle quattro vertebre avvicina «all’obiettivo di una perfetta fusione con la sua colonna vertebrale e ottimizza un percorso di cura con radioterapia che non sarebbe stata compatibile ad esempio con una protesi in titanio», spiega il professore.

15 Ottobre 2019