Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SI TORNA A TEATRO

Crema, tre serate per la ripartenza autunnale del San Domenico

Presentati i primi appuntamenti in attesa della stagione teatrale vera e propria che partirà dal mese di novembre

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

28 Settembre 2021 - 14:24

Crema, tre serate per la ripartenza autunnale del San Domenico

Il gruppo degli Oblivion

CREMA - Dopo un periodo difficilissimo per tutto il settore dello spettacolo e dell'arte, il Teatro San Domenico riparte con tante novità. "Per la prima volta nella nostra storia prevederemo una stagione 'autunnale' come riapertura e rilancio della stagione teatrale vera e propria che partirà dal mese di novembre". Nel mese di ottobre infatti sono state programmate tre serate dedicate alla musica, al teatro ma soprattutto improntate alla leggerezza: La Notte della Beat Generation (€ 15,00), Oblivion Rhapsody (€ 22,00) e ApPunti G (€ 20,00). Tre spettacoli inseriti in un carnet di abbonamento Ripartenza al prezzo di 45 euro. Importante novità: gli abbonati che sottoscrivono l’abbonamento Ripartenza ( posti a scelta) avranno diritto a:

  • Prelazione con riconferma del proprio posto sull’acquisto dei successivi abbonamenti della stagione 2021/2022. Per questa prossima stagione infatti stiamo prevedendo la possibilità di sottoscrivere abbonamenti trimestrali;
  • Iscrizione in automatico alla categoria SOCI PARTECIPANTI della Fondazione che dà diritto a partecipare all’assemblea dei soci e nominare un Rappresentante nel Consiglio di Amministrazione della Fondazione stessa.

COME ACQUISTARE L’ABBONAMENTO RIPARTENZA

  • ONLINE sul sito www.teatrosandomenico.com
  • BIGLIETTERIA via Verdelli 6: tutti i giorni dalle 17.00 alle 19.00
  • AGLI SPORTELLI delle filiali DELLA BANCA CREMASCA E MANTOVANA

Si ricorda che per accedere a Teatro è necessario essere in possesso di GREENPASS

GLI SPETTACOLI

LA NOTTE DELLA BEAT GENERATION
quando: Sabato 9 ottobre, ore 21.00

Roberto Tiranti (cantante La storia dei New Trolls) feat Power And Beyond Project

La Notte della BEAT GENERATION, un viaggio nella musica Beat italiana”. La musica beat in Italia, chiamata anche Bitt, fu un genere della musica popular e un movimento giovanile diffusosi in Italia durante gli anni sessanta, che vide diversi periodi di revival nei decenni successivi. La musica beat si diffuse in Italia già dal 1963, divenendo popolare in seguito alla British invasion che spinse molti giovani a formare nuovi complessi musicali. Frequentemente negli anni ’60 con l’avvento della beat e del pop inglese, gruppi, solisti, produttori ed etichette discografiche, hanno guardato oltre Manica. Il fenomeno delle «cover» “a new performance or Recording of a previously recorded, commercially released (or unreleased) song, by some- one other Than the original artist or composer”, cioè una nuova esecuzione o registrazione di una canzone. Precedentemente registrata e distribuita sul mercato (o non distribuita), da parte di qualcuno che non è l’interprete originale o il compositore) è stato particolarmente diffuso negli anni Sessanta e ha avuto risultati spesso molto positivi: ha favorito un rapido cambio di suoni e stili musicali in Italia, contribuendo al lancio e alla popolarità di artisti Giovani grazie a un repertorio che aveva già dalla sua i risultati di vendite nei Paesi d'origine, Gran Bretagna e Stati Uniti. La cover in Italia è un fattore trasversale che accompagna la musica italiana, basti pensare come le canzoni di maggiore successo di quegli anni, equipe 84, i Dik Dik, Caterina Caselli, Nomadi, lo stesso Celentano, siano in realtà dei rifacimenti, degli adattamenti di brani presi in prestito da altri gruppi. Brani celebri, come Pregherò (Stand by me), tutto nero (paint it black), sognando california (california dreaming), ho difeso il mio amore (night in white satin), l’ora dell’amore (Homebourg), Bang Bang, questo viaggio in musica ripercorre i più celebri successi che hanno reso quegli anni un periodo di grande fervore ed indelebile nei ricordi di intere generazioni

OBLIVION RHAPSODY
quando: Domenica 17 ottobre, ORE 18.00

uno spettacolo di e con gli OBLIVION: Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli. Regia Giorgio Gallione

Uno show per festeggiare l’anniversario dei primi dieci anni di tournée insieme: OBLIVION RHAPSODY è la summa dell’universo Oblivion come non l’avete mai visto né sentito prima d’ora. In piena crisi di mezza età i cinque rigorosi cialtroni sfidano sé stessi con un’inedita e sorprendente versione acustica della loro opera omnia. Uno spettacolo che toglie tutti i paracadute per arrivare all’essenza dell’idiozia: cinque voci, una chitarra, un cazzotto e miliardi di parole, suoni e note scomposti e ricomposti a prendere nuova vita. Per la prima volta gli Oblivion saliranno sul palco nudi e crudi per distruggere e reinventare le loro hit, dopo aver sconvolto senza pietà quelle degli altri. OBLIVION RHAPSODY è un gigantesco bigino delle performance più amate e imitate che parte dalle famose parodie dei classici della letteratura, passando per la dissacrazione della musica a colpi di risate, un viaggio lisergico che ripercorre anni di raffinate e folli sperimentazioni, senza soluzione di continuità, in lungo e in largo, di palo in frasca. Tutto il meglio (e il peggio), quello che non ricordavate, quello che amate di più e quello che non avete mai visto, in un viaggio allucinato e visionario che collega mondi mai avvicinati prima d’ora. Preparatevi a questa incredibile esperienza dal vivo: sarà un anniversario memorabile, un'indigestione senza limiti e senza senso, una Oblivionata all'ennesima potenza alla fine della quale l’unico bis che chiederete sarà una Citrosodina.

ApPUNTI G
quando: Sabato 23 ottobre, ore 21.00

Scritto e diretto da Collettivo ApPunti G
Collaborazione ai testi Francesca Sangalli

Progetto fotografico Laila Pozzo
Costumi Pamela Aicardi - Sound designer Luca De Marinis
Light designer Paolo Casati
Direzione tecnica Domenico Ferrari


ApPunti G è un ironico e dissacrante spettacolo sulla sessualità. In scena tre note attrici comiche di generazioni differenti, Alessandra Faiella, Rita Pelusio, Lucia Vasini, e la giornalista del Corriere della Sera Livia GrossiQuattro donne per uno spettacolo che tra monologhi e pezzi corali, un’irresistibile ricetta afrodisiaca e una pagina di cronaca, s’interroga su pregiudizi e luoghi comuni; un viaggio nell’universo sessuale femminile dove risate e informazione diventano la miscela esplosiva per riflettere su un tema dalle mille sfaccettature e implicazioni: dall’accettazione di sé ai ruoli imposti, dal poetico mito della “prima volta” alle sperimentazioni erotiche over 60, ma anche la nuova frontiera dei sex robots e dei chirurghi plastici, prostituzione e diritti negati. Nessun “monologo (corale) della vagina”, piuttosto un‘escursione nelle nostre viscere perché a distanza di cinquant’anni dalla rivoluzione sessuale la deriva conformista è in agguato, e forse una lucida e consapevole risata la seppellirà.

BIGLIETTI E ABBONAMENTI DISPONIBILI ONLINE SUL SITO www.teatrosandomenico.com

info@teatrosandomenico.com 0373.85418

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400