Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

TEATRO

Il gusto della scena e l’amore del contrabbassista

Otto titoli in programma al Filo il lunedì e martedì, fino alla fine di novembre dove le realtà professionali presenti nel territorio - attori, musicisti, tecnici – si incroceranno con realtà nazionali

Email:

bcaffi@laprovinciacr.it

19 Settembre 2021 - 05:50

Il gusto della scena e l’amore del contrabbassista

L’attore cremonese Mattia Cabrini

CREMONA - «Torneremo a proporre prosa appena ce lo permetteranno»: Alceste Ferrari - una vita al servizio del teatro sia in palcoscenico che dietro le quinte - è pronto a ripartire, malgrado le norme anti Covid impongano ancora limiti pesanti. E lo fa con la rassegna acrobati(che) poeti(che), progetto proposto per A.C. Retablo a cui il Comune di Cremona ha dato il proprio patrocinio e collaborazione.

Otto titoli in programma al Filo il lunedì e martedì, fino alla fine di novembre dove le realtà professionali legate al teatro presenti nel territorio - attori, musicisti, tecnici – si incroceranno con realtà nazionali legate alla ricerca sul linguaggio e alla innovazione drammaturgica.

Si parte il 4 e 5 ottobre con L’urlo del contrabbasso, omaggio al famoso lavoro di Patrick Süskind, dove lo stesso Ferrari metterà in scena le surreali fantasie e frustrazioni di un personaggio quanto mai reale e rumoroso. Come il suo contrabbasso. Perché un contrabbassista di fila dell’orchestra di Stato è più un artista o un impiegato? E un contrabbassista innamorato di un soprano che melodie potrà suonare con lei, a che musica potrà aspirare nella vita? A fianco di Alceste Ferrari, in scena, Jacopo Sgarzi col suo contrabbasso.

A seguire l’11 e il 12 ottobre, Una Commedia Musicale da camera, secondo i canoni classici, offerta dalla creatività di un giovane autore: That’s Amore di Marco Cavallaro, con lo stesso Cavallaro affiancato da Claudia Ferri e Marco Maria della Vedova.

Il 18 e 19 ottobre torna un autore-attore già apprezzato nella scorsa edizione: Turi Zinna con Il muro – cronachetta di una civile apartheid, regia di Federico Magnano San Lio.

Sempre a ottobre, il 25 e 26, Il Cappotto da Nikolaj Gogol nell’interpretazione di Giovanni Argante.

La rassegna riprende l’8 e 9 novembre con Mi chiamo Maris e vengo dal mare di Melania Manzoni e Chiaraluce Fiorito, con la struggente interpretazione della stessa Fiorito.

Il 15 e 16 novembre torna Turi Zinna con la sua ultima creazione per Retablo: Shock in my town, regia di Federico Magnano San Lio, già programmato e poi sospeso la scorsa stagione.

Lunedì 22 e martedì 23 novembre la Compagnia dei Piccoli di Cremona con Ti amo da morire di e con Alessia Bianchi, Mattia Cabrini e Daniele Carrara.

Per chiudere, il 29 e il 30 novembre GiOtto di e con Giuseppe Provinzano.


Per informazioni e prenotazioni, telefono 335 8423496. Ingresso solo con Green pass.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400