Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA MOSTRA

Casalmaggiore: Stupor mundi Usa, il Nuovo mondo diventa creativo

Cinque appuntamenti fra poesia, fumetto, mail art, jazz e bijou

Fabio Guerreschi

Email:

fguerreschi@laprovinciacr.it

12 Settembre 2021 - 05:55

Casalmaggiore: Stupor mundi Usa, il Nuovo mondo diventa creativo

Uno dei pezzi esposti alla mostra

CASALMAGGIORE - L’edizione di Stupor Mundi 2021 sarà dedicata agli Stati Uniti. La rassegna culturale cambia pelle e alza il tiro con cinque appuntamenti di alto profilo che declinano la cultura statunitense del Novecento tra poesia, fumetto, jazz, Mail Art e bijou. Un omaggio a un Paese che, per diverse cause, si trova nel secolo scorso al centro del mondo culturale. E la presentazione della rassegna coincide con una giorno drammatico non solo per gli Usa, ma per il mondo intero: l’11 settembre. Una sorta di tributo a una nazione le cui ferite, da quel giorno, non si sono più rimarginate.

A presentare la rassegna l’assessore alla Cultura Marco Micolo, il direttore artistico del teatro Comunale Giuseppe Romanetti, il direttore della biblioteca civica Mortara Vittorio Rizzi, la responsabile del settore Cultura del Comune Roberta Ronda, la conservatrice del Museo del Bijou Letizia Frigerio.

«Abbiamo cambiato formula — ha detto Micolo — alla rassegna: da quest’anno, e in futuro, sarà concentrata in un mese circa, tra settembre e ottobre. Questo per renderla più attrattiva. Inoltre abbiamo ridotto gli appuntamenti per poterne aumentare la qualità. Inoltre abbiamo coinvolti tutte le istituzioni culturali della città: biblioteca, teatro, Museo Diotti e Museo del Bijou, cercando di valorizzare, come nel caso del fumetto, generi universali e nati dall’intrattenimento per poi evolversi nell’arte».
«L’idea — ha aggiunto Romanetti — è quella del festival come abbiamo fatto quest’estate per Lunazione».

E gli appuntamenti in programma sono davvero imperdibili. Come l’incontro con un personaggio unico come il poeta Forrest Gander, premio Pulitzer 2019 per la poesia. Oppure il concerto di Brad Mehldau, tra i maggiori pianisti jazz al mondo. A completare i due momenti singoli, tre mostre che brillano per originalità e ricercatezza.

Al Museo Diotti ci sarà «Strip! La grande avventura del fumetto americano» — allestita in collaborazione con il Centro Fumetto Andrea Pazienza di Cremona — con tavole originali che vanno dal 1925 al 1987, un viaggio quindi da Dick Tracy ai supereroi, passando per Tarzan e i Peanuts. Poi, sempre al Diotti, «Mail Art a stelle e strisce», con francobolli, cartoline e timbri che si elevano dalla quotidianità al modo dell’arte ed ella grafica.

Infine, al Bijou, «Dolce color d’orïental zaffiro. le gemme in Dante e nei Bijoux americani», ovvero come le gemme citate nella Divina Commedia prendono vita nei più iconici e originali bijoux americani del secolo scorso.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400