Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA: RITORNO A TEATRO

'La Città rivive', sul palco la scena è «racconto vivo»

Dal 3 al 5 settembre, a palazzo Affaitati e al Vecchio Passeggio il Coordinamento Teatro

Nicola Arrigoni

Email:

narrigoni@laprovinciacr.it

01 Settembre 2021 - 09:56

'La Città rivive', sul palco la scena è «racconto vivo»

Letizia Dafne Sperzaga protagonista del primo appuntamento

CREMONA - «Ritorno a teatro - La città rivive» è il titolo della tre giorni proposta dal Coordinamento Teatro Cremona, presieduto da Marinella Pavanello. Venerdì, sabato e domenica il cortile di palazzo Affaitati farà da palcoscenico alla voglia di tornare in scena delle compagnie del Coordinamento, mentre il parco del Vecchio Passeggio — venerdì e sabato alle 18 — sarà il luogo deputato alle «Favole e racconti sull’erba», proposti dalla compagnia Primadonne . Piace l’idea che il ritornare a teatro sia un modo per far rivivere la città. I due spazi: quello teatrale e quello urbano sono strettamente connessi, sono spazi di relazione e di vita. Di questo le compagnie del Coordinamento Teatro Cremona sono convinte e ne hanno dato prova nell’iniziativa «Scintille d’arte» — lo scorso 17 aprile — quando portarono in piazza la loro voglia di non arrendersi e la volontà di far sentire la voce dell’arte dello spettacolo dal vivo. La rassegna «Ritorno al teatro» ripropone il format dell’estate 2020 quando proprio le compagnie locale animarono alcuni luoghi della cultura cittadina, sottoposti a chiusura come i teatri.

La formula oggi si ripropone concentrata nello spazio armonioso ed elegante di palazzo Affaitati, il cui cortile rappresenta un teatro naturale. Tre giornate per tre spettacoli in serale (inizio alle ore 21) diversi per tipologia, stile, racconto e linguaggi. Dopo la fortunata rassegna «Il teatro è donna», il Coordinamento tiene fede alla parola di animare la città e ridare impulso agli artisti locali, risorsa, spesso inespressa, della scena nostrana. Si parte venerdì con «L’altra metà del cielo» di Letizia Dafne Sperzaga che prende le mosse proprio dalla canzone composta dall’attrice/performer per raccontare la disparità fra uomo e donne, chiamando in causa la lirica e il rap senza soluzione di continuità.

Letizia Dafne Sperzaga e, sotto, Federico Benna

La sera successiva va in scena «Scimmie di Mare» di e con Federico Benna, prodotto da Spazio Mytos. Si tratta di un lavoro che con sfacciato divertimento promette di mettere alla berlina e far riflettere su atteggiamenti e prese di posizione di una quotidianità e di una normalità che viste dall’angolazione giusta possono assumere sfumature tragicomiche e assurde.

La chiusura della tre giorni sarà affidata a Officina poetica che vedrà in scena Daniela Coelli, con Fabio Turchetti e Alberto Venturini, impegnati a dare una lettura de «Il minotauro» di Friedrich Dürrenmatt, nello spettacolo «Labirinto di specchi», in cui musica e parola saranno un tutt’uno.
L’ingresso è libero, con Green pass obbligatorio.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400