il network

Sabato 24 Agosto 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


A CREMONA E SUL TERRITORIO

Mostre e conferenze sulla Shoah

Commemorazione del 'Giorno della memoria'

Mostre e conferenze sulla Shoah

CREMONA - Sono davvero tante le esposizioni e le conferenze che si terranno questa settimana in città e in provincia per ricordare la Shoah e lo sterminio attuato dal nazifascismo durante la seconda guerra mondiale.

Sabato 26 gennaio 2019, alle 17,30, nelle sale dello storico Palazzo Duemiglia a Cremona, in Largo Madre Agata Carelli 4, si terrà, alla presenza del sindaco, Gianluca Galimberti, la presentazione della mostra Sterminio in Europa.

"La rassegna itinerante - spiega il curatore, Simone Fappanni - è un allestimento composto da quaranta pannelli che l’Associazione nazionale degli ex Deportati nei campo nazisti, ha iniziato a comporre negli anni Settanta e ha via via implementato a seguito di nuove ricerche, approfondimenti e acquisizioni. Lungo il percorso espositivo si rievocano i momenti essenziali della tragedia che costò la vita a ben undici milioni di persone tra ebrei - almeno la metà delle vittime - zingari, omosessuali, politici, apolidi, disabili e testimoni di Geova".

L’esposizione farà tappa all’Arci San Bernardino di Crema (dal 23 gennaio al 3 febbraio 2019, presentazione: giovedì 24 alle 21) e alla sala polifunzionale di Pozzaglio (dal 26 al 28 gennaio 2019, presentazione: sabato 26 alle 19).

Non meno interessante è la mostra Punti di luce. Essere una donna nella Shoah dello Yad Vashem di Gerusalemme, che sarà presentata domenica 27 gennaio 2019 alle 10,30 al Castello di Monticelli d’Ongina (aperta ino al 3 febbraio).

"La mostra – spiega Fappanni - si compone di trentadue pannelli in cui vengono proposte le storie di donne comuni che hanno avuto la sventura di attraversare un’esperienza terribile come quella dell’Olocausto. Si tratta di persone qualsiasi, con lavori, occupazioni, passioni e interessi diversi che si sono trovate improvvisamente gettate in un evento epocale e che pertanto hanno dovuto attingere a tutte le loro risorse per attraversarlo".

Sempre in rocca, vengono proposti ben settanta scatti eseguiti da tre fotoamatori: Albino Casarola, Giorgio Denti e Vittorio Politi, durante i viaggi che hanno condotto, in diversi anni, nei campi di concentramento sparsi in tutta Europa. L’allestimento si conclude con i dipinti e le sculture degli artisti partecipanti alla rassegna itinerante In Memoria con lavori di Emanuela Terragnoli, Nicoletta Reinach Astori, Elio Nolli, Cornelia Calzavacca Franzini, Luigi Dainesi, Mario Colosini, Anna Paola Cozza, Valerio Betta, Rosa Visini, Giuseppina Andena (Mela), Anna José Buttafava, Raffaele Morgioni, Stefano Cozzaglio, Fulvio Fiorini, Floriana Melzani, Elisa Migliaccio, Giorgio Denti, Primo Paolo Mainardi, Florentina Panainte, Mayra Castellon, Patrizio Marigliano, Maria Angela Fiorasi, Rosella Vaghetti, Guido Nolli, Gabrielle Grecchi (Ceky), Domenico Barbati, Riccardo Bozuffi, Marco Spizzi. La mostra chiude il 3 febbraio 2019.

Punti di luce sarà proposta anche alla sala polifunzionale di Corte de’ Frati (dal 26 gennaio al 12 febbraio 2019, presentazione 26 gennaio alle 16,30) e alla chiesa delle Dimesse di Quinzano d’Oglio (dal 25 gennaio al 5 febbraio 2019, presentazione il 25 gennaio 2019 alle 21). Infine, la sala polifunzionale di Casaletto Vaprio, ormai laboratorio culturale vero e proprio, ospita la rassegna Illustrare la Shoah con grafiche del cremonese Giorgio Carletti (dal 24 gennaio al 10 febbraio 2019, presentazione il 25 gennaio alle 17,30) che ripercorrono le tappe dell’Olocausto.

Gruppi e scolaresche possono concordare visite guidate gratuite telefonando al numero 338-7475657.

18 Gennaio 2019