Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

'Impone il velo alle figlie, picchia e minaccia la moglie'

Un marocchino è indagato per maltrattamenti, lesioni, violenza e stalking

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

07 Luglio 2014 - 10:26

'Impone il velo alle figlie, picchia e minaccia la moglie'

CREMONA - L'ha minacciata di picchiarla talmente forte da costringerla a  vivere su una sedie a rotelle, l'ha picchiata, l'ha costretta a subire rapporti sessuali e quando lei con le bambine è andata a vivere in una comunità protetta le ha fatto trovare sul parabrezza dell'auto diversi messaggi. "Se vengo all'incontro protetto e trovo le bambine senza velo le mando indietro e il giorno che Dio ti fa pagare tutto si sta avvicinando". E anora: "In comuità ti han fatto il lavaggio del cervello e stanno cercando di cambiare la tua religione e quella di tuoi figli". In un altro messaggio consegnato a una delle figlie mentre usciva da scuola c'era scritto "Se non mettette il velo vi faccio vedere".

Le violenze fisiche e morali sarebbero incominicate da un litigio nell'etstae del 2010, quando l'uomo vietò alla moglie l'uso del computer con il quale lei si teneva in contatto con la sorella che vivena negli Stati Uniti. La donna si ribellò e, aggredita dal marito, dovette rifugiarsi sul balcone dove l'uomo la colpì al corpo e al collo con un manico di scopa.

Il gip Guido Salvini su richiesta della procura ha disposto nei confronti del marocchino 47enne il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa (misura prevista dal reato di stalking). L'uomo è indagato per maltrattamenti, lesioni, violenza sessuale e stalking.

Nelle sette pagine di ordinanza il gip, in relazione ai mesaggi minacciosi, scrive che essi "testimoniano il fatto che il comportamento dell'indagato trova il suo solido fondamento nell'intolleranza del suo credo religioso (compresa l'accusa verso i famigliari di possibile apostasia, scelta che in Italia certo non è proibita) e aggiungono, alle altre violenze fisiche e verbali, un ulteriore elemento di vessazione e di tentativo di sopraffazione psicologica".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emeritokoglione

    07 Luglio 2014 - 23:23

    di culture arricchisce ognuno di noi, mettiamoci anche il proverbio cinese: quando torni a casa bastona tua moglie, tu non sai perchè lo fai, ma lei sì. diventeremo ricchissimi, lo sento, vero sior sindaco? per cortesia faccia arrivare altri arricchimenti, che so, qualche afgano, pakistano, qualcuno dalla papuasia, 3 kazaki, anche un paio dal turkmenistan (non so nemmeno come si scrive) e la nostra ricchezza sarà smisurata, alla faccia di chi lavora 8 ore per 1000 euro. io sono per lo scambio di culture, io sono Emerito Koglione!

    Report

    Rispondi

  • chiappafranco

    07 Luglio 2014 - 13:19

    Allora, il marito l'ha minacciata, picchiata, violentata, infastidita in tutti i modi, ha minacciato anche le figlie, però alla fine lui continua a essere libero e lei e le figlie sono andate a vivere di nascosto altrove. Secondo la mia logica (evidentemente errata) lui dovrebbe stare chiuso da qualche parte e invece le sue vittime dovrebbero essere libere di vivere come pare a loro.

    Report

    Rispondi

  • mario.bernardi.hclc

    07 Luglio 2014 - 12:14

    Per certi versi le bestie sono migliori di individui come costui.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti