Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SPINADESCO

Rete di 50 metri nel canale, salvati decine di pesci

I pescatori di frodo avevano teso il tramaglio da una sponda all'altra del Canale Navigabile

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

16 Maggio 2014 - 00:38

Rete di 50 metri nel canale, salvati decine di pesci

Gian Pietro Pederneschi con due pesci recuperati

SPINADESCO - Una rete lunga 50 metri, trasformata in una trappola mortale per decine di pesci. Era legata a mo’ di barriera da una sponda all’altra del Canale Navigabile, nel tratto di Spinadesco tra il ponte delle Caselle e le paratoie di Acquanegra. L’hanno trovata dei pescatori lodigiani e subito hanno lanciato l’allarme: insieme alle guardie della Fipsas (guidate da Gian Pietro Pederneschi) hanno recuperato il tramaglio. Fortunatamente l’intervento è stato tempestivo e i 30 chili di pesce sono stati recuperati e rimessi in libertà.

Non è la prima volta che le guardie della Fipsas trovano simili attrezzature nel canale navigabile. Era successo ancora un paio d’anni fa e anche in quel caso non era stato possibile individuare i pescatori di frodo, che rischierebbero una sanzione di 206 euro e il sequestro dell’attrezzatura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • themitch

    16 Maggio 2014 - 07:45

    Secondo voi questa è una sanzione proporzionata al danno causato? Solo in Italia paese democraticamente portato verso la delinquenza, basta vedere i politici corrotti!!!

    Report

    Rispondi