Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

L'EMERGENZA

Siccità, Piloni: "La regione si è mossa troppo tardi. Ora serve un piano di prevenzione"

L'intervento del consigliere regionale capodelegazione dem in commissione Agricoltura a margine della seduta congiunta delle commissioni Agricoltura e Montagna

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

21 Giugno 2022 - 18:50

Vaccinazioni in Fondazione, Piloni a Moratti e Pavesi: «Verifiche non accurate»

MILANO - “Il rilascio di maggiore acqua da parte dei concessionari del servizio idroelettrico deciso la settimana scorsa è stato tardivo e nella grave situazione in cui ci troviamo oggi non è certamente sufficiente, anche se oggi gli stessi gestori hanno dichiarato di non poter fare di più. La Regione si è mossa assai in ritardo e ha sottovalutato la situazione, basti pensare che la nostra mozione sui cambiamenti climatici risale ormai a tre anni fa, al 27 giugno 2019, quando già allora sollecitavamo la giunta lombarda, chiedendo lo stato di emergenza: una presa di coscienza che avrebbe poi generato iniziative più opportune, anche rispetto alla programmazione e alla prevenzione, ma che purtroppo la maggioranza dell’aula non ha recepito. Oggi la situazione è ormai sotto gli occhi di tutti, ma serve un grande piano di prevenzione che preveda la realizzazione di nuovi invasi e la revisione delle regole del deflusso minimo vitale per poter garantire l'acqua anche ai reticoli idrici minori”.
 


È così che il consigliere regionale Matteo Piloni, capodelegazione dem in commissione Agricoltura, interviene a margine della seduta congiunta delle commissioni Agricoltura e Montagna, dove si sono svolte oggi pomeriggio le audizioni con diversi gestori del servizio idroelettrico e con l’assessore agli Enti locali Massimo Sertori, proprio in merito all’emergenza idrica.
 
“Le nostre proposte non si fermano qui – aggiunge Piloni – proprio qualche giorno fa abbiamo chiesto all’assessore Fabio Rolfi di rifinanziare il bando per il rinnovo dei sistemi di irrigazione e chiediamo ora alla Regione di istituire un tavolo con le province per snellire le pratiche per l’autorizzazione di nuovi pozzi”.
 
“Con una interpellanza, inoltre, abbiamo chiesto alla Regione di immettere idrobond per fare prestiti alle società che gestiscono il servizio idrico integrato per proseguire e accelerare gli interventi di messa in sicurezza delle reti, oggi messi in discussione dal caro-prezzi e dalle difficoltà di reperimento dei materiali. Noi sosteniamo assolutamente la richiesta al governo dello stato di emergenza, ma ribadiamo che la giunta doveva muoversi prima” conclude Piloni.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgio.filippi405

    21 Giugno 2022 - 22:30

    Piloni....ci scommetto che dove governa il PD il problema siccita' non esiste, voi riuscite a far piovere a comando, vero?

    Report

    Rispondi