Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA: LA POLEMICA

Dlf, «Ora apriamo agli esterni». E scatta la rivolta degli iscritti

Alla «Ferrovieri» Cda riunito e veleni. «Colti di sorpresa, assemblea informativa urgente giovedì o venerdì»

Massimo Schettino

Email:

mschettino@laprovinciacr.it

17 Maggio 2022 - 08:58

Dlf, «Ora apriamo agli esterni». E scatta la rivolta degli iscritti

Una delle aree verdi all’interno della Ferrovieri

CREMONA - La Canottieri Dlf intende aprire agli esterni ed esplode immediata la polemica. Colta di sorpresa, la società ha riunito ieri il Cda che ha deciso di convocare nei prossimi giorni un’assemblea straordinaria proprio per spiegare la novità. La svolta per la Società sportiva dilettantistica Canottieri Dlf Cremona è stata comunicata ieri con un post sulla pagina Facebook, con tanto di prezzario e logo del Comune di Cremona, che poi però è stato rimosso.

Ai soci, inoltre, è stato inviato via mail il nuovo regolamento, secondo cui «gli Iscritti e gli Esterni della Ssd Canottieri Dlf Cremona possono accedere liberamente alla Società, purché in regola con i versamenti delle quote, ed usufruire di tutti i Servizi Sociali nel limite del Regolamento».

L'ingresso della Canottieri Dlf da viale Lungo Po Europa

Secondo la tabella pubblicata, l’ingresso giornaliero alla «Ferro» costerà per gli esterni maggiorenni 12 euro nei feriali e 15 nei festivi. Ticket ridotti per i ragazzi dai 10 ai 18 anni (10 euro) e per i bambini, a seconda dell’età. Sconti agli over 70, alle famiglie e agli appartenenti alle forze dell’ordine. Sono previsti anche ingressi sportivi con prezzi che variano dai 5 ai 12 euro a seconda della disciplina che si intende praticare e del giorno festivo o feriale. Ma quello che ha suscitato le reazioni più arrabbiate sono gli abbonamenti mensili per gli esterni: 100 euro il primo mese e 90 per i mesi successivi per gli adulti. Anche per questi abbonamenti sono previste riduzioni e sconti per i ragazzi, i bambini, i militari, gli over 70 e le famiglie. Con 370 euro, quindi, è possibile passare la stagione estiva alla Canottieri Dlf. E in molti hanno sottolineato che, a questo punto, diventa svantaggioso pagare la quota annuale: 513 euro per il 2022. Il post in poche ore ha raccolto oltre 200 commenti, molti dei quali furibondi.

Per quanto vale Facebook come termometro di opinione, il post ha raccolto 23 reazioni, di cui solo 10 di gradimento. «Diventiamo la piscina comunale di Cremona», è il tenore di tanti. Altri, preoccupati di non poter utilizzare le strutture, chiedono se c’è un limite agli ingressi. Altri si domandano quale senso abbia a questo punto l’iscrizione. «Questa scelta non è rispettosa verso i soci che hanno pagato una tassa di ingresso più le quote annuali». Contestato anche il momento scelto per la svolta, un fulmine a ciel sereno arrivato dopo che gli iscritti hanno già pagato due delle tre rate della quota annuale e a pochi giorni dalla scadenza della terza, il 31 maggio. E non sono pochi quelli che minacciano di non rinnovare l’iscrizione e c’è chi medita di bloccare il pagamento della terza rata.


Dopo l’assemblea di sabato mattina in cui l’unico punto in dibattito era il resoconto delle attività del 2021, in molti hanno chiesto un nuovo incontro, straordinario, per discutere solo di questa proposta. E il Cda si è riunito ieri proprio per fare il punto. Spiega il direttore generale, Andrea Cambiati: «Colti di sorpresa dalla reazione degli iscritti, abbiamo sospeso l’invio del nuovo regolamento e il Cda ha deciso di convocare già per giovedì o venerdì un’assemblea informativa urgente. L’ingresso degli esterni sarà contingentato e sarà poco impattante. Gli iscritti saranno tutelati. Tuttavia forse la novità è stata mal spiegata e ci scusiamo di questo con i nostri iscritti».


A rendere più difficile rispetto ad altre realtà la partecipazione degli iscritti alla formazione delle decisioni della Canottieri è la sua struttura societaria unica. Costituita il 21 gennaio del 2020, la Ssd Canottieri Dlf Cremona, infatti, è una Srl con un socio unico: l’associazione nazionale dei Dlf che è intervenuta per ripianare il buco da mezzo milione scoperto nei conti della vecchia società. La Srl è quindi soggetta all’attività di direzione e coordinamento dell’associazione nazionale. La scelta di aprire agli esterni, in realtà, non è una vera novità per le canottieri. Alle prese con l’invecchiamento dei soci, anche altre società sportive stanno cercando di allargare la loro base. Con modalità diverse, ingressi giornalieri, abbonamenti mensili o stagionali o affiliazioni in prova sono a disposizione di chi vuole frequentare lo Sporting, a Costa Sant’Abramo, la Stradivari, in via Milano e anche la Bissolati.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400