Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

BASSA PIACENTINA

«No al nucleare», manifestazione davanti all'ex centrale di Zerbio

L’annuncio è stato fatto anche tramite striscioni di fronte al Ministero della Transizione Ecologica e la mobilitazione di Cambiare rotta - Organizzazione giovanile comunista sarà domenica 22 maggio

Elisa Calamari

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

13 Maggio 2022 - 11:55

«No al nucleare», manifestazione davanti all'ex centrale di Zerbio

CAORSO - Cambiare rotta - Organizzazione giovanile comunista ha programmato una manifestazione nazionale davanti all’ex centrale di Zerbio, per dire no all’eventuale ritorno del nucleare.

L’annuncio è stato fatto anche tramite striscioni di fronte al Ministero della Transizione Ecologica e la mobilitazione sarà domenica 22 maggio: “La guerra ha fatto cadere il velo verde davanti ad una transizione che ha come unica funzione la tenuta delle classi dominanti europee - spiega il gruppo -: torna il carbone, ed il rilancio su gas e nucleare è sempre più forte in un momento in cui Germania e Francia non possono permettersi di mettere in discussione il proprio assetto energetico. È questo il settore più strategico dell'economia di guerra di cui parla Cingolani, eppure non si rinuncia a sostenere contro ogni evidenza che le manovre in materia ambientale siano volte al benessere collettivo. Quale futuro dobbiamo aspettarci, se si continua ad implementare una tecnologia insostenibile ambientalmente ed economicamente, che monopolizza con la sua rigidità la generazione elettrica (altro che energia di transizione!) e che lascia dietro di sé un'eredità tossica per decine di migliaia di anni?”.

E poi ancora: “Mentre il mondo riscopre il pericolo degli armamenti nucleari, viene pubblicizzata una quarta generazione che dovrebbe prevenire la proliferazione atomica, ma la realtà è che il nostro territorio è colonizzato dalle basi e dall'arsenale Nato. Sappiamo che nessun miracolo ci salverà dal disastro in cui il capitalismo ci ha precipitati, per questo il 22 maggio scenderemo in piazza con una parola d'ordine precisa: stacchiamo la spina a questo sistema e riprendiamoci il futuro”.

Sulla manifestazione non vengono forniti ulteriori dettagli, se non l’invito a contattare gli organizzatori sui social per partecipare.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400