Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

RIVAROLO DEL RE

Caserma in vendita? La compra il Comune

L’ente acquista l’edificio e garantisce la permanenza dei carabinieri

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

12 Maggio 2022 - 19:02

Caserma in vendita? La compra il Comune

La caserma di Rivarolo del Re

RIVAROLO DEL RE - Il Comune comprerà l’edificio di via Ugo Bassi che da oltre trent’anni ospita la caserma dei carabinieri di Rivarolo del Re. Lo ha deciso all’unanimità il consiglio comunale. «Si tratta — spiega il sindaco Luca Zanichelli — di un passo che ho ritenuto necessario fare per scongiurare qualsiasi possibilità di una futura indisponibilità dell'immobile da adibire a stazione dei carabinieri, da parte di una nuova proprietà diversa dall’amministrazione pubblica. La volontà è quella di garantire alla comunità la continuità del servizio dell’Arma. Avere la caserma è anche un prestigio per Rivarolo e non vogliamo perderlo».

Tutto parte dal fatto che gli attuali proprietari dell’immobile, Angela Federici, Clotilde Federici e Marisa Maccieri, da tempo manifestano la volontà di procedere alla vendita dello stabile. «Si tratta — commenta il sindaco — di una scelta del tutto legittima, manifestata già da diversi anni, e a questo punto mi è sembrato opportuno non temporeggiare più, per evitare il rischio di perdere i carabinieri, attualmente sei, e vederli trasferiti a Casalmaggiore. L’Arma è troppo importante per garantire la sicurezza e a Rivarolo del Re abbiamo un comando che funziona bene». L’amministrazione comunale ha fatto pertanto redigere una perizia estimativa dal responsabile dell'area tecnica relativa alla valutazione dell'immobile, che prevede un valore pari a 265 mila euro. I proprietari hanno manifestato la disponibilità alla vendita diretta al Comune per un importo, appunto, di 265 mila euro oltre le spese accessorie: imposte tasse, spese notarili di rogito stimate in 28 mila euro.

Il Comune ha ritenuto congruo il prezzo di acquisto proposto «e per garantire la copertura della spesa procederemo alla accensione di un mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti. La capacità di indebitamento è ampiamente rispettata». Con successivo atto verranno messe a disposizione le risorse per la copertura delle spese di un’eventuale ristrutturazione che potranno essere fronteggiate, oltreché con l’avanzo di amministrazione, con entrate proprie, e con finanziamenti regionali e statali. «Vogliamo anche mettere mano all’edificio per togliere alcune barriere architettoniche», aggiunge Zanichelli. L’edificio si articola in quattro appartamenti: «Due sono utilizzati per la caserma, gli altri due come alloggi per i militari».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400