Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

RIPARTE IL MERCATO IMMOBILIARE

Il «mattone» risorge, ma ora è più difficile trovare casa in affitto

Si rilanciano le quotazioni degli immobili nella zona più vicina al campus universitario

Elisa Calamari

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

10 Maggio 2022 - 05:25

Il «mattone» risorge, ma ora è più difficile trovare casa in affitto

Il campus Santa Monica

CREMONA - Crescono i prezzi degli edifici, così come aumentano gli affitti: la casa è sempre in cima ai pensieri degli italiani, cremonesi compresi, e così il mercato immobiliare conferma il trend in salita avviato nel 2021. Per quanto riguarda la città si può sicuramente parlare di «effetto Santa Monica»: il campus universitario richiama studenti, anche da fuori provincia, e così scatta inevitabilmente la caccia all’alloggio. Ma richiama anche un indotto che comprende professori e ricercatori, che a loro volta necessitano di abitazioni.


Stando agli ultimi dati elaborati dal portale Immobiliare.it, a Cremona gli stabili residenziali in vendita costano in media 1.251 euro al metro quadro, con un aumento dello 0,40% rispetto ad aprile 2021, quando il prezzo medio era 1.246 euro a metro quadro. A guidare gli aumenti è proprio la porzione di città vicina al nuovo complesso universitario, dove gli immobili (per acquisto e per locazione) iniziano a scarseggiare. Negli ultimi due anni in città il prezzo ha raggiunto il suo massimo nel mese di agosto 2021: 1.262 euro al metro quadro.

Il mese in cui è stato richiesto il prezzo più basso, invece, è stato ottobre 2020: per un immobile in vendita, all’epoca, venivano chiesti in media 1.219 euro al metro quadro. Nel mese appena concluso, inoltre, i prezzi delle case sono stati più alti in centro storico, nella zona di via Dante e in piazza Castello (che guarda caso sono a pochi passi dal campus): circa 1.436 euro per metro quadro. Al contrario, i prezzi più bassi sono stati registrati a Picenengo e Cavatigozzi, con una media di 826 euro al metro quadro. Circa gli affitti, a Cremona per gli immobili residenziali in media vengono chiesti 6,73 euro al mese per metro quadro, con un aumento dell’1,97% rispetto ad aprile 2021. Dall’arrivo del Covid, i canoni di affitto hanno raggiunto il picco nell’ottobre scorso (in media 6,87 euro a metro quadro al mese) mentre il livello più basso è stato a marzo 2021, con 6,50 euro a metro quadro. Nei quartieri Po e Cristo Re gli affitti più alti, a San Felice e San Savino quelli più bassi.


A Crema i prezzi sono decisamente maggiori: nel mese di aprile per le case in vendita è stata registrata una quota media di 1.516 euro al metro quadro, mentre gli affitti si aggirano sugli 8,49 euro a metro quadro al mese, in aumento del 2,29% rispetto ad un anno fa. Casalmaggiore va controcorrente, con una diminuzione del 2,07% dei prezzi delle case rispetto ad un anno fa: da 917 a 898 euro al metro quadro. E sono calati anche gli affitti: -1,23% con un canone che in media si assesta sui 6,42 euro a metro quadro al mese. Dando uno sguardo alla provincia intera, infine, si può notare che secondo Immobiliare.it i prezzi delle abitazioni più alti sono proprio a Crema, seguita da Rivolta d’Adda (1.438 euro/mq) e Cicognolo (1.433). Quelli più bassi, invece, a Calvatone: 352 euro/mq.


A livello nazionale nel mese di aprile i prezzi più alti per le abitazioni sono stati registrati in Trentino Alto Adige (media di quasi tremila euro/mq) mentre al contrario per un immobile in vendita nella regione Calabria ne vengono richiesti solo 922. Circa gli affitti il record è stabilmente della Lombardia, e in particolare di Milano, con 14,85 euro al metro quadro al mese. Già nei primi nove mesi del 2021 il numero delle compravendite residenziali aveva confermato la rapida ripresa post pandemia, con oltre 536 mila transazioni: 161 mila in più a confronto con lo stesso periodo del 2020. Nel settore, dunque, una ripresa che continua e si rafforza. Anche a Cremona.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400