Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA RIPARTENZA

Università: ecco Ingegneria musicale, «respiro» internazionale

Magistrale del Politecnico: 200 iscritti, molti stranieri. Oggi la presentazione di Agricultural Engineering

Nicola Arrigoni

Email:

narrigoni@laprovinciacr.it

05 Maggio 2022 - 11:42

Università, ecco Ingegneria musicale, «respiro» internazionale

Studenti del corso Music and Acoustic Engineering

CREMONA - Ingegneria e musica possono andare d’accordo e lo fanno al campus del Politecnico: espressioni e formule matematiche si sposano bene al pentagramma e l’abbinata piace: «Abbiamo circa 200 iscritti, di cui una quarantina sono studenti internazionali che provengono da Iran, Spagna, Perù, Stati Uniti, India, solo per citare qualche paese — afferma Gianni Ferretti, prorettore del Politecnico —. Il percorso in Music and Acoustic Engineering piace e richiama studenti da ogni dove».

Alberto Bernardini e Fabio Antonacci della facoltà di Ingegneria acustica e musicale

Ieri la magistrale è stata presentata da Fabio Antonacci e Alberto Bernardini, poi gli aspiranti ingegneri acustici hanno potuto visitare non solo il campus, ma anche i laboratori, la camera anecoica «in cui possiamo studiare il suono puro — spiega il dottorando Raffaele Malvermi —. Abbiamo lavorato con un quartetto di cantori sardi e in base alla posizione che tenevano abbiamo registrato il mutare del suono». La camera anecoica è una sorta di ambiente ovattato in cui non provengono suoni dall’esterno. Al fianco c’è un vero studio di registrazione e suono, con console supertecnologiche in cui «possiamo creare plug-in ad hoc — afferma Riccardo Giampiccolo —. Lavoriamo sul suono e la campionatura dei suoni».

Matteo Benzo e Gabriele Baroli, rispettivamente batterista e bassista, con alle spalle una laurea in ingegneria delle telecomunicazione, hanno deciso «di coniugare la nostra passione per la musica con l’ingegneria — raccontano —. Da Magenta ci trasferiremo a Cremona per seguire la nostra passione e conseguire la laurea magistrale». Il professor Fabio Antonacci evidenzia come il corso sia in crescita: «Quest’anno abbiamo coperto tutti i posti disponibili». E oggi, sempre al Politecnico, sarà presentata la magistrale in Agricultur Engineering, «un percorso unico in cui didattica e ricerca si sosterranno a vicenda», conclude Ferretti.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400