Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

PANDINO

Roggia asciutta? Le papere in piscina

Nei giorni scorsi è stato allestito un piccolo gonfiabile pieno d’acqua, dove i volatili hanno potuto sguazzare felici dopo che la siccità ha portato via il loro habitat

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

03 Maggio 2022 - 15:12

 Roggia asciutta, le papere in piscina

PANDINO - «Quando l’acqua è poca la papera non galleggia». Tutti ricordano il mantra dei «Tre Tre», comici napoletani in voga al Drive In anni ‘80. Tormentone derivato dalla saggezza popolare per significare che, senza le risorse, non si va da nessuna parte. Purtroppo, è quello che capita anche ai volatili acquatici tanto cari ai pandinesi. Attenzione, però: non si tratta di papere, che sono piccole oche che non hanno ancora raggiunto la maturazione sessuale, ma delle anatre, di dimensioni molto più ridotte rispetto alle cugine. Una colonia numerosa che da anni dimora nella roggia di via Circonvallazione, spostandosi poi lungo il corso d’acqua che costeggia anche via Roggetto.

La siccità le sta mettendo a dura prova. Di acqua nemmeno a parlarne, non solo nel canale in questione, ma in tutto il reticolo minore del territorio cremasco. La situazione, ovviamente, mette in difficoltà i simpatici e chiassosi volatili, abituati a trascorrere gran parte del loro tempo a mollo, innanzitutto per una necessità legata all’igiene del piumaggio. Per ovviare a questo problema qualcuno ha pensato bene di allestire un piccola piscina sul prato recintato davanti alle ex cantine Castello, attività ormai chiusa da decenni che si affaccia proprio sulla roggia. Un gesto che dimostra grande umanità e amore per gli animali, apprezzato da molti pandinesi, anche via social. L’acqua è stata trasportata con dei secchi e viene cambiata periodicamente. In questo modo le anatre possono rilassarsi per qualche momento. La zona è diventata la casa di una numerosa colonia che viene accudita da diversi residenti: il pane non manca mai e le anatre dimostrano di gradire, proliferando. Si susseguono anche le nidiate per la gioia dei bimbi che, accompagnati da genitori e nonni, vanno a trovare ogni giorno le piccole anatre. La loro sofferenza dovrebbe concludersi a breve, quando verrà aperta la stagione irrigua e dunque tornerà l’acqua nel canale.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400