Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA: IN CONSIGLIO COMUNALE

Traffico. A sorpresa via Giordano, un piano per la viabilità

Si lavora a una nuova proposta progettuale per il riassetto di un asse strategico. Il 2022 anno delle grandi opere: interventi su scuole, ex Area Frazzi e comparto Radaelli

Massimo Schettino

Email:

mschettino@laprovinciacr.it

29 Aprile 2022 - 09:47

Traffico. A sorpresa via Giordano, un piano per la viabilità

CREMONA - «Entro qualche settimana presenteremo una proposta progettuale su via Giordano che recupera quella precedente, con qualche modifica». Lo ha annunciato il vicesindaco, Andrea Virgilio, nel corso del Consiglio comunale di ieri, presentando le modifiche al Piano delle opere pubbliche e parlando del 2022 come dell’anno «delle grandi progettazioni». Fra queste, Virgilio ha citato il nuovo polo scolastico che prenderà il posto dell’asilo Martiri della Libertà nel quartiere Po (53.875 euro la quota di cofinanziamento), i cui lavori di demolizione dovrebbero iniziare entro l’anno. E poi le case Erp, le aree verdi, il lungo Po Europa e gli interventi per la soluzione del problema degli allagamenti in alcune vie del quartiere Po e al sottopasso di via Bergamo e di adeguamento anti-sismico delle scuole medie Virgilio (1.250.080 euro) e Anna Frank (935.209). Su quest’ultimo progetto, Virgilio ha però esposto le preoccupazioni emerse durante un incontro con l’associazione dei costruttori edili, secondo cui gli aumenti dei costi mettono a rischio i cantieri. E ha citato l’Anna Frank, per cui l’aumento dovuto alle variazioni dei prezzi è stato di mezzo milione di euro: «È chiaro che queste oscillazioni mettono a rischio tutta la programmazione».

Poi c’è il comparto Radaelli-San Francesco con fondi regionali: «Su questo intervento — ha spiegato Virgilio — è in corso una interlocuzione con la Regione perché la priorità di questi fondi è per l’efficientamento energetico e questo non era chiarissimo nel bando. Siamo quindi in una fase delicata in cui stiamo innestando questa esigenza in un progetto che è fondamentalmente di recupero e rigenerazione urbana. Superato questo scoglio, avvieremo una fase di coinvolgimento della città». Per quanto riguarda via Giordano, il progetto che la Giunta deve ancora valutare non è stato reso noto, ma fondamentalmente parte dalla constatazione che alle misurazioni i flussi di traffico risultano diminuiti e cerca di far convivere i diversi utenti della strada. Sempre sul tema viabilità, replicando alle sollecitazioni dell’opposizione, Virgilio ha poi citato la Gronda Nord, «che non può essere a carico del Comune, ma il cui primo passo è l’autostrada Cremona-Mantova: l’avvio delle macro partite facilita la soluzione anche delle partite secondarie». Ma su Gronda Nord e autostrada la maggioranza deve sciogliere il nodo del no della componente di Articolo Uno.

L’elenco delle opere è stato modificato (con 19 sì, il no di Giuseppe Arena, Fratelli d’Italia, e 7 astenuti) in seguito all’approvazione del bilancio 2021, chiuso con un avanzo di 13 milioni, e alla variazione del budget di previsione 2022-2024 (approvato con 19 sì, 7 no e l’astensione di Pietro Burgazzi), che fissa l’uso di avanzo di amministrazione complessiva per 7.014.695,65 euro. Questo ha reso possibile anticipare al 2022 alcune spese programmate per il 2023 con contributi Pnrr come il recupero e la riqualificazione di alloggi Erp in via Valdipado (330 mila euro) e via Vecchia (110 mila) e di impianti sportivi (290 mila euro); interventi sulla viabilità di viale Po (210 mila); ex area Frazzi (170 mila) e su verde e arredi in viale Po, Parco Sartori, parco Tognazzi e Lungo Po Europa per 35 mila euro. Nell’elenco per il 2022 ci sono anche 400 mila euro per il rifacimento della pista di atletica al Campo scuola. In vista la riqualificazione di piazza Roma per cui il Comune è in attesa dell’esito di un bando di cofinanziamento da 1,9 milioni e che slitta al 2023. Fra gli interventi nuovi, la realizzazione di uno spazio verde in ambito urbano con 100 mila euro statali e l’installazione di colonnine di ricarica per veicoli elettrici con 200 mila euro regionali.

Durante il dibattito il capogruppo di Forza Italia, Carlo Malvezzi, dopo aver riconosciuto all’amministrazione «la capacità di intercettare alcuni finanziamenti», è passato all’attacco chiedendo un confronto sui progetti in corso. Inoltre «sul tema viabilistico restano nel cassetto le soluzioni per via Giordano, via Dante e il nodo Paullese-Tangenziale. Arrivate agli sgoccioli del vostro duplice mandato senza non dico un progetto, ma neanche un’idea». Ha replicato Roberto Poli (Pd): «Continuate a ironizzare sulle ciclabili, che non risolvono per intero i problemi della viabilità, ma sono senz’altro utili. E nelle varie classifiche ci mettono ai primi posti. Con noi si concretizza un progetto di mobilità sostenibile che sembrava da visionari e ora è a disposizione dei cittadini. Faccio fatica su questo a seguire i 5 Stelle, sempre a rimorchio dell’opposizione».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rugginesana

    29 Aprile 2022 - 10:40

    Oddio , ogni volta che fanno qualcosa è sempre peggio di prima...

    Report

    Rispondi