Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

ALLARME E APPELLO

Cani, adozioni irresponsabili: ora è boom di abbandoni

Numeri da vera emergenza al canile di Cremona: da febbraio 52 animali accolti nella struttura di via Vecchio Casello

Lucilla Granata

Email:

redazione@laprovinciacr.it

27 Aprile 2022 - 05:15

Cani, adozioni irresponsabili: e ora è boom di abbandoni

CREMONA - Da fine febbraio c’è stato un boom di abbandoni. Ora abbiamo circa 52 cani»: a lanciare l’allarme è Alessandra Bonvicini, presidente dell’Associazione Zoofili Cremonesi che gestisce il canile. «Abbiamo recuperato una cagnolina che dopo tre giorni ha partorito sette cuccioli e poi ci hanno portato un cartone con dentro altri sette cuccioli appena nati. Li abbiamo allattati ogni quattro ore, giorno e notte. Ora stanno bene tutti e sono pronti per trovare una famiglia».

TANTI PITBULL ABBANDONATI.

Il fronte di allarme: i tanti Pitbull abbandonati. I molossi e i cani da caccia. Una situazione che non può passare inosservata e che deriva da adozioni superficiali e irresponsabili.

«Che ci sia scarsa responsabilità a prendere i molossi, che poi non si sanno gestire, è evidente. Purtroppo non esiste una norma di legge che regolamenti nello specifico l’adozione di questi cani, però noi per esempio, prima di affidarli, facciamo un’attenta selezione e suggeriamo anche un percorso con l’educatore. Molti di quelli che arrivano da noi sono rinunce. Persone che hanno preso il cane a neanche 20 giorni dalla nascita, strappato alla mamma troppo presto e quindi già con dei disagi. Fanno una grande pena. Abbandonano di tutto, anche tanti cani da caccia, ma essendo questi ultimi estremamente docili, gli troviamo più facilmente casa, così come ai cuccioli. Ho sentito alcuni colleghi di altri canili. Si ipotizza che molti abbandoni derivino da adozioni fatte superficialmente durante il lockdown per trovare una scusa per uscire. Fosse così, sarebbe allucinante, senza contare che ci avviciniamo ai mesi estivi e a giugno potremmo trovarci di nuovo di fronte ad un nuovo crescendo di abbandoni in vista delle vacanze estive. Un grande classico dell’assurdo. Non si possono, non si devono, prendere animali come se fossero oggetti. Chiaramente non lo sono. Sono impegnativi certo, ma danno tanto amore e soffrono terribilmente quando vengono lasciati. Ci vuole consapevolezza».

cane

L’appello per tutti gli amanti dei cani è di fare un giro al canile e adottare. O almeno aiutare, perché c’è tanto bisogno. «Noi siamo sempre alla ricerca di crocchette mini per i cani anziani che fanno fatica a mangiare quelle normali. Ne abbiamo una quindicina e ci manca sempre il cibo più adatto a loro. Da noi vanno circa sessanta chili di crocchette al giorno, più l’umido. Venite a vedere i nostri cani. Abbiamo tanti cuccioli, ma quelli che hanno più bisogno sono gli adulti. C’è Hulk, ha 9 anni e può stare tranquillamente in appartamento, è una taglia medio piccola. È appena arrivata anche una setterina pura. Avrà circa un anno e mezzo. Probabilmente non era brava a cacciare e l’hanno abbandonata».

IL CONSIGLIO DELL'EDUCATORE.

Alessandro Maffini è l’educatore che segue, tra l’altro, anche i cani del canile di Cremona. Una figura fondamentale per recuperare quelli più problematici e traumatizzati, per poterli reinserire in una famiglia. Ed è lui ad ipotizzare cosa può esserci dietro l’abbandono di tanti Pitbull, spiegando poi come capire a chi sono adatti questi cani.

educatore

L’educatore Alessandro Maffini al canile

«Purtroppo prendere il Pitbull va di moda. Non è neanche una vera razza, è un mix che deriva da altre, ma non è riconosciuta dalla Federazione Cinofila Internazionale. Per questo le adozioni spesso sono incontrollate e illegali. C’è una grandissima richiesta perché sono cani che appaiono in molti video accostati a ragazzi vestiti alla moda, con macchinoni e belle ragazze. I più giovani spesso vogliono emulare questo status symbol, ma questi sono cani che hanno una motivazione competitiva altissima e se non vengono seguiti nel modo giusto, è un disastro. Attenzione: non vanno addestrati, ma capiti e gestiti nella maniera corretta, altrimenti non riescono a soddisfare le loro motivazioni. Il numero di abbandoni, purtroppo, è proporzionale al numero di acquisti illegali. Noi al canile li diamo in adozione solo dopo attenta valutazione della famiglia che li richiede, per capire se sono disposti a seguire cani impegnativi. In molti li prendono come fossero oggetti. Prima di affidarli, insegniamo a gestirli attraverso un percorso con noi. Un educatore ti dà strumenti per capire e non inibire il cane. I Pitbull sono fragilissimi da un punto di vista mentale e fortissimi fisicamente. Un abbandono per loro è iper traumatico».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fab.tacco

    27 Aprile 2022 - 10:44

    Un cane è per sempre! Come si fa ad abbandonarli? Gente senza cuore! I cacciatori dicono di amare i cani ma per loro conta solo se sono bravi a cacciare e niente altro! Se non lo sono vai con l'abbandono o addirittura li sopprimono!

    Report

    Rispondi