Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

PROVINCIA DI CREMONA

Padania Acque, l'Ad Lanfranchi: "Nessun allarme per la rete idrica, acqua sicura e controllata"

"Eseguiamo periodicamente monitoraggi specifici sull'eventuale presenza di tracce di amianto negli acquedotti, senza mai rilevarle"

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

01 Marzo 2022 - 16:24

Padania Acque, l'Ad Lanfranchi: "Nessun allarme per la rete idrica, acqua sicura e controllata"

L'Ad Alessandro Lanfranchi

CREMONA - Dopo le dichiarazioni di Marco Degli Angeli, consigliere regionale del M5S e presidente del Comitato Paritetico di controllo e valutazione in Regione Lombardia (CPCV), in allerta per la possibile presenza di amianto nella rete idrica - l'amministratore delegato di  Padania Acque Alessandro Lanfranchi ha precisato, in un comunicato, che "il gestore unico del Servizio Idrico Integrato della provincia di Cremona nel corso degli anni ha eseguito monitoraggi specifici sulla eventuale presenza di tracce di amianto negli acquedotti, pur non essendo tale attività indicata dalla normativa nazionale ed europea relativa alle acque destinate al consumo umano e in assenza quindi di un limite applicabile di suddetto parametro, senza mai rilevare la presenza di fibre di amianto nella rete idrica".

E poi: "Si precisa, inoltre, che l’acqua distribuita è soggetta a costanti analisi, controlli e campionamenti effettuati non solo dal laboratorio analisi di Padania Acque (accreditato presso L’Ente Italiano ACCREDIA dal 1999) ma anche dall’ente esterno preposto ATS Val Padana, che ne attestano e confermano la potabilità e la sicurezza secondo la normativa di riferimento (D.Lgs. 31/2001). Non sussistono dunque né pericoli, né rischi per la salute umana".

Una precisazione dell'Ad: "Ricordiamo poi che la nostra acqua di rete ha ottenuto la certificazione ISO 22000. Ciò significa che non solo è sicura, controllata e di qualità, ma certificata un punto di vista alimentare in tutte le fasi della distribuzione, dalla falda al rubinetto".

Per concludere: "Informiamo, infine, che dall’anno 2019 Regione Lombardia ha effettuato una ricognizione dell’intera rete idrica regionale, e quindi anche di quella del territorio cremonese, finalizzata all’uso indiretto dell’amianto determinato dalle attività di esercizio e di manutenzione degli impianti di rete idrica, come definito dal Ministero della Salute, con lo scopo di prevedere un piano di sostituzione delle tubazioni più vetuste con altre nuove. Padania Acque, d’intesa con i Comuni e in qualità di gestore unico del Servizio Idrico Integrato della provincia di Cremona (unico ente a cui compete l’eventuale sostituzione delle tubazioni), ha programmato il rifacimento o la nuova realizzazione di tratti di rete idrica nel Piano d’Ambito". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400