Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA & CREMASCO

Allarme schiuma, nuovo sversamento nelle rogge che defluiscono nel Serio

Il presidente del Parco, Monaci, ha subito contattato gli enti preposti al controllo affinché intervenissero nel quartiere di Santa Maria, dove è avvenuto il rilevamento

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

11 Gennaio 2022 - 14:46

Allarme schiuma, nuovo sversamento nelle rogge che defluiscono nel Serio

CREMA - Ormai è un'abitudine. Una brutta abitudine. E a denunciarla è il presidente del Parco del Serio, Basilio Monaci. "Continuiamo ad assistere a sversamenti nelle rogge Molinara, Molgora e Senna, che defluiscono nel fiume Serio. Ancora una volta è emersa schiuma bianca in grande quantità". Dopo essere stato avvertito, Monaci ha subito contattato gli enti preposti al controllo, affinché intervenissero nel quartiere di Santa Maria, dove è avvenuto il rilevamento. "Ho chiamato l'Arpa, l'agenzia regionale per la protezione ambientale, e poi anche il corpo forestale. E' necessario riuscire a risalire a chi con cadenza regolare immette in queste rogge delle sostanze inquinanti".

Qualche mese fa nella Molinara c'era stato uno sversamento con grande moria di pesci lungo tutto il percorso che da Trezzolasco arriva a Santa Maria. Lo sversamento era stato denunciato da alcuni pescatori che avevano notato parecchi pesci morti. Anche in quell'occasione, i tecnici dell’Arpa avevano eseguito dei prelievi per fare le analisi e cercare di scoprire quale sostanza aveva avvelenato le acque. Del fatto si erano interessati anche i carabinieri. Anche alla vigilia di Natale si era registrata la presenza di schiuma bianca dallo scarico del depuratore Serio uno a sud della città, associata a cattivo odore. La patina si era poi dispersa nel fiume. Allertata l'amministrazione comunale, l'assessore all'Ambiente Matteo Gramignoli aveva avvertito i carabinieri forestali e Padania acque, società che gestisce l'impianto.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400