Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS: I CASI APERTI

Le decorazioni dei bimbi adesso coprono l’oltraggio

Targa dedicata alle vittime vandalizzata a Casaletto Vaprio: la risposta degli alunni delle elementari

Gianluca Maestri

Email:

redazione@laprovinciacr.it

26 Dicembre 2021 - 17:20

Le decorazioni dei bimbi adesso coprono l’oltraggio

Le decorazioni degli alunni delle scuole elementari posizionate nel parco che ricorda le vittime del Covid

CASALETTO VAPRIO - La targa dedicata nella primavera scorsa dal Comune al ricordo delle vittime del Covid, vandalizzata da ignoti poco prima di Natale, verrà sostituita. Nel frattempo, in risposta al gesto becero di qualche incivile non sono mancate le reazioni: la più bella è quella dei bambini delle scuole elementari, che rispondono all’inciviltà coprendola con le loro decorazioni. Lo racconta il consigliere comunale con delega alla Cultura, Samuele Zenone: «A parte l’indignazione dei molti che sono stati colpiti dal Coronavirus, che sono stati ricoverati in ospedale oppure hanno perso i propri cari, i bambini della nostra scuola elementare hanno pensato di portare alcune decorazioni, come fiocchi di neve, renne e angioletti, sul cespuglio di margherite posto di fronte alla targa, come a voler riparare il danno e lenire il dolore causato dallo scempio compiuto. Ci sono segni e gesti che hanno più significato, che incidono di più di una sassata. E quando questi gesti arrivano dai bambini, hanno un valore ancora più grande perché i bambini di oggi sono gli adulti di domani. E in quei fiocchi di neve, in quelle renne e in quegli angioletti c’è tutto il potenziale che un bambino custodisce per il loro e per il nostro futuro. Un futuro che sarà sicuramente bellissimo».

La targa presa a sassate e rovinata alle estremità

UN SIMBOLO CHE CELEBRA LA VITA

La targa vandalizzata (è stata presa a sassate e rovinata alle due estremità e le luci che la illuminavano sono state strappate) si trova all’interno di un piccolo giardino ricavato in un’area comunale dietro la chiesa parrocchiale, realizzato otto mesi fa da alcuni volontari. L’amministrazione guidata dal sindaco Ilaria Dioli ha optato non per una lapide o per un monumento ma per un simbolo che da sempre celebra la vita e la rinascita: l’albero. Arbusti e fiori fanno da cornice al tronco di un vecchio albero sul quale è stata applicata la targa in questione, donata dalla commissione comunale cultura. Da quando è stata posizionata ci sono cittadini, soprattutto chi ha vissuto in prima persona il dramma del Covid, che quasi ogni giorno si recano al piccolo giardino per una semplice visita.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400