Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA CONGIUNTURA ECONOMICA

Sull'export l'effetto prezzi: Cremona guida la riscossa

Nel terzo trimestre ha fatto registrare il secondo miglior incremento regionale sul 2019: + 19,7%

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

21 Dicembre 2021 - 05:15

Sull'export l'effetto prezzi: Cremona guida la riscossa

Imbarco container sulle navi

CREMONA - Export lombardo ai massimi nel terzo trimestre 2021, con la provincia di Cremona al secondo posto per incremento rispetto allo stesso periodo del 2019 (+ 19,7%). Il valore delle esportazioni originate dalla Lombardia rimane oltre i 33 miliardi di euro e le importazioni oltre i 36 miliardi, anche a causa dell’aumento dei prezzi, per cui il deficit commerciale sale a 3,1 miliardi. Il rallentamento dell’attività delle imprese nel terzo trimestre, dovuto sia ai problemi di approvvigionamento sia al normale andamento stagionale, ha portato ad una flessione congiunturale degli scambi con l’estero senza però allontanarli dai massimi raggiunti lo scorso trimestre.

EFFETTO PREZZI. L’analisi dell’andamento delle quantità scambiate conferma che c’è un ‘effetto prezzi’ sull’incremento dei dati in valore. Infatti, l’export registra per le quantità una flessione congiunturale del 12,8% e l’import del 4,5%, entrambe superiori alle corrispondenti flessioni congiunturali dei dati in valore.

«Gli sforzi delle imprese lombarde - ha spiegato l’assessore regionale lombardo allo Sviluppo economico, Guido Guidesi - ci consentono di certificare una ripresa che oramai è strutturale; messa però a rischio dai costi energetici e dall’approvvigionamento delle materie prime. Noi soli non bastiamo a richiamare l’urgenza di questi temi. Il posticipo ulteriore di una discussione in Europa è un segnale che ci preoccupa. Il sistema lombardo continuerà ad impegnarsi a sostegno delle nostre imprese e del lavoro; ma chiediamo anche agli enti sovraregionali di attenzionare le priorità: costi dell’energia e approvvigionamento delle materie prime significano oggi occupazione per il futuro», conclude Guidesi.

«L’export lombardo mantiene gli elevati livelli pre-crisi raggiunti dopo il recupero competitivo post pandemia», commenta il presidente di Unioncamere Lombardia, Gian Domenico Auricchio. «Questo assestamento era atteso, considerato il periodo estivo e le difficoltà di approvvigionamento; per cui anche se il quadro congiunturale complessivo è in rallentamento, la solidità dell’economia regionale contribuirà ad attenuare questi segnali».

PRODOTTI E SETTORI. Il comparto legato ai metalli e alle loro produzioni si conferma forte motore della ripresa (+34,6% su base tendenziale) con effetti positivi sulla performance della maggior parte delle province. Altri contributi significativi derivano dall’export dei mezzi di trasporto (+29,7%) grazie alla ripresa dell’export di aeromobili e delle sostanze e prodotti chimici (+23,0%). Finalmente recuperano anche i livelli pre-crisi i prodotti tessili, pelli e accessori (+17,0% tendenziale e un dato superiore del +4,3% rispetto al 3° trimestre 2019). Buono l’andamento di computer e apparecchi elettronici (+12,9%) mentre restano in negativo gli articoli farmaceutici (-2,5% tendenziale) che non hanno ancora recuperato i livelli 2019 (-9,5%). L’incremento rispetto al livello pre-crisi del valore esportato verso tutte le destinazioni è del +9,7% (escluse le provviste di bordo, territori non specificati e altri territori).

I flussi verso molti Paesi registrano ancora incrementi tendenziali a due cifre (dal +19,6% dell’Ue al +74,1% dell’Asia centrale) nonostante il confronto con i minimi storici sia ormai superato. Verso molti dei principali Paesi di destinazione delle merci lombarde si incrementa il valore dell'export rispetto al terzo trimestre 2019: spiccano Turchia (+24,5%), Regno Unito (+24,4%), Brasile (+22,2%), Cina (+19,6%) e Israele (+16,9%). Restano significativi i flussi diretti verso Francia (+12,9%) e Germania (+11,8%). Alcune destinazioni non hanno ancora completato il recupero dei livelli pre-crisi, in particolare il continente africano.

LE PROVINCE LOMBARDE. L’incremento tendenziale interessa tutte le province lombarde. Rispetto al terzo trimestre 2019, gli aumenti più rilevanti sono quelli di Varese (+29,4% grazie a un forte incremento dell’export di mezzi di trasporto/aeromobili), Sondrio (+17,6% trainato dai prodotti alimentari e chimici), Cremona (+19,7%), Brescia (+18,9%), Mantova (+15,9%) e Lecco (+11,6%), queste ultime spinte dell’export di metalli di base e prodotti in metallo. Meno intensa la crescita della provincia di Monza e Brianza (+7,2%) anch’essa trainata dai metalli di base e prodotti in metallo. Crescono anche Bergamo (+6,9%) grazie alle sostanze e prodotti chimici e Milano (+3,1%) sostenuta dalla ripresa dell’export di prodotti tessili, abbigliamento pelli e accessori. Como si ferma ai livelli 2019 (+0,1%) con le migliori performance per mobili, attrezzature mediche e sostanze e prodotti chimici. Scontano ancora un gap negativo con il terzo trimestre 2019 Lodi (-5,0%), a causa del rallentamento dell’export di computer e apparecchiature elettroniche, e Pavia (-10,8%) con segni negativi diffusi alle principali tipologie di prodotto dell’export provinciale. Il valore delle importazioni mostra una flessione congiunturale del -3,7%, più contenuta rispetto a quanto registrato dalle esportazioni, con livello trimestrale oltre i 36 miliardi.

Rispetto al terzo trimestre il valore dell’import registra così un incremento del +8,6%. Come per le esportazioni anche le importazioni mantengono un incremento tendenziale a due cifre (+26,8%). Il saldo negativo virtuale della bilancia commerciale regionale si attesta così a 3,1 miliardi, in aumento rispetto al valore dello scorso trimestre.  

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400