Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LO STUDIO PILOTA

Asst Cremona, sperimentazione anti-Covid: l'enoxaparina è efficace

Migliora le condizione cliniche e riduce i giorni di ricovero secondo gli esiti del primo trial clinico approvato da Aifa

Mariagrazia Teschi

Email:

mteschi@laprovinciacr.it

01 Dicembre 2021 - 05:25

Asst Cremona, sperimentazione anti-Covid: l'enoxaparina è efficace

Andrea Machiavelli, direttore della Struttura complessa di Farmacia Aziendale dell'Asst di Cremona

CREMONA - L’uso tempestivo di enoxaparina a una dose intermedia migliora le condizione cliniche e riduce i giorni di ricovero. Sono molto confortanti i risultati preliminari dello studio pilota INHIXACOVID19, il primo trial clinico approvato da Aifa nel 2020 sull’uso di eparina in pazienti Covid e l’unico giunto finora a compimento. I dati sono stati presentati in occasione del XX Congresso Simit - Società Italiana di Malattie Infettive e tropicali. Lo studio clinico condotto in 13 centri italiani — tra cui Asst Cremona — su 300 pazienti in stadio moderato-grave ha rivelato che l’impiego dell’anticoagulante a una dose maggiore rispetto a quella di profilassi è sicuro ed efficace nel promuovere un decorso più favorevole della malattia. Se impiegata in modo tempestivo, l’enoxaparina a una dose intermedia può abbreviare la durata dell’ospedalizzazione di oltre il 20% rispetto alla dose di profilassi, migliorando i sintomi in più del 65% dei casi. 


«L’obiettivo prioritario è valutare i dosaggi più opportuni — aveva spiegato poco più di un anno fa, all’inizio della sperimentazione Andrea Machiavelli, direttore della Struttura complessa di Farmacia Aziendale – . L’Enoxaparina è un anticoagulante usato da lungo tempo nella terapia per la coagulazione del sangue e in profilassi per la cura della trombosi venosa. Due aspetti individuati come variabili importanti nella mortalità da Covid-19. Lo studio è mirato a verificare se l’utilizzo del farmaco a dosaggi più elevati possa produrre effetti benefici. L’Enoxaparina viene usata già nella fase iniziale di evoluzione della malattia per scongiurare l’insorgenza di tromboembolismo venoso, come anche in fase avanzata per prevenire fenomeni trombotici».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400