Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

FIERE ZOOTECNICHE

Il fondatore al taglio del nastro: «Piero Mondini, pioniere e padre nobile»

Novantotto anni compiuti, è stato tra i fondatori di CremonaFiere, dell’Anafi e dell’Aral, oltreché presidente della Camera di Commercio

Andrea Gandolfi

Email:

agandolfi@laprovinciacr.it

27 Novembre 2021 - 05:30

Il fondatore: «Piero Mondini, il padre nobile»

Il ministro Stefano Patuanelli con Piero Mondini

CREMONA - L’immagine che più di altre rappresenta una sfida vinta e un passato incancellabile, fondamenta solide che sono garanzia di futuro per le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona, arriva con un taglio del nastro dal forte valore simbolico. Tra il ministro delle politiche agricole Stefano Patuanelli e il presidente di CremonaFiere Roberto Biloni, è stato Piero Mondini ad aprire ufficialmente la rassegna della ripartenza e del rilancio: giorni più forti di difficoltà che avrebbero potuto essere quasi insormontabili senza l’impegno irriducibile del territorio e - soprattutto - dei suoi allevatori. Novantotto anni compiuti, pioniere e padre nobile di molte iniziative che hanno fatto la storia e la differenza nell’agricoltura cremonese ed esponente di spicco della Libera, Mondini è stato tra i fondatori di CremonaFiere, dell’Anafi e dell’Aral, oltreché presidente della Camera di Commercio.

ANIMA E SPIRITO DELL'AGRICOLTURA CREMONESE

«Mi ha detto che per lui era un grande onore venire alla Fiera di Cremona a tagliare il nastro insieme al ministro», ha raccontato Biloni. «Devo dire che - invece - è stato un grande onore per noi averlo avuto qui a tagliare il nastro. Mondini è stato tra i fondatori di questa fiera, l'unico ancora in vita, e ha dato anima e spirito all’agricoltura del nostro territorio. Tutto ciò che vedete qui non è figlio del caso, ma di una storia importante nata nel 1946 grazie a Piero Mondini». Un tema sul quale si è soffermato anche l’assessore regionale all’agricoltura Fabio Rolfi. «La vostra scelta di far inaugurare la Fiera a uno dei suoi fondatori trasmette due idee forti», ha detto. La prima. «La Fiera e comunità, e nella vostra comunità la zootecnia, l'agricoltura e questo avvenimento sono radicati anche in termini affettivi. Quindi si può guardare con fiducia al futuro perché le radici sono solide. La seconda: agricoltura e zootecnia hanno plasmato lo sviluppo di questo territorio, al quale sono legate in modo indissolubile». Sono una parte della nostra anima, che Mondini ha sempre difeso e contribuito a far crescere.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400