Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

FIERE ZOOTECNICHE

Il personaggio: Carlo Razzini, esempio da 70 anni

Il dealer di macchine e attrezzature agricole protagonista dell’agro-zootecnia

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

27 Novembre 2021 - 08:09

Il personaggio: Carlo Razzini, esempio da 70 anni

Carlo Razzini è un pezzo di storia dell’agro-zootecnia cremonese

CREMONA - Da 70 anni è uno dei protagonisti di primo piano dell’agro-zootecnia del territorio cremonese: Carlo Razzini è ben più di un commerciante di macchine e attrezzature agricole. La sua storia professionale è legata a doppio filo allo sviluppo del lavoro nelle campagne, perché con il suo esempio e la sua straordinaria esperienza ha accompagnato e ispirato intere generazioni di specialisti dei campi e delle stalle. Ancora oggi, a 88 anni, Razzini è presente con il suo stand alle Fiere Zootecniche Internazionali, rinnovando così una partecipazione che dura ininterrottamente dai primi anni Cinquanta. A rimarcare il valore dell’evento fieristico, vetrina di saperi e punto d’incontro di professionalità eccellenti, prima ancora che spazio espositivo fine a sé stesso.

AZIENDA STORICA

Carlo Razzini è entrato a far parte attivamente dell’azienda di famiglia — quartier generale a Gussola e succursale in centro storico a Cremona — subito dopo aver completato il servizio militare di leva. All’epoca i patron della ditta erano papà Evaristo e il fratello Sigismondo, che avevano portato nel cuore della Pianura Padana i mezzi Ferguson: il brand canadese, negli anni Cinquanta, rivoluzionò il settore introducendo sul mercato il sollevatore per il traino degli attrezzi divenuto noto come «sistema Ferguson». Carlo ha vissuto fin da subito con impegno totalizzante il proprio lavoro all’interno della concessionaria. Prendendo anche puntualmente parte alla Fiera di Cremona, come documenta l’immagine in bianco e nero pubblicata sopra, scattata al Foro Boario nel 1953.

NUOVA LINFA

Fino ai primi anni Settanta, Razzini ha portato avanti l’attività insieme al fratello Renzo, poi ha proseguito da solo. Affrontando nuove sfide con spirito di sacrificio, coraggio e lungimiranza. Nel 1994 Carlo ha voluto al sua fianco la figlia, Marina, tuttora membro stabile dello staff che, ormai da tempo, opera nella sede di San Giacomo Lovara. Nel 2007 Carlo ha portato nuova linfa vitale all’interno dell’azienda con l’ingresso di un altro professionista del settore, Stefano Devoti. La Razzini-Devoti si è così progressivamente evoluta, raddoppiando gli spazi dello stabilimento e assumendo personale giovane: la società, quindi, ha portato avanti un processo di specializzazione lungo l’intero fronte delle attrezzature per l’agricoltura in generale, rafforzando allo stesso tempo l’aspetto dell’assistenza post-vendita, che da sempre rappresenta il fiore all’occhiello dell’azienda.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400