Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

ALLARME DEGRADO NEI QUARTIERI

Cremona, Bagnara alza la voce: «Dimenticati dal Comune»

«Viabilità, segnaletica, arredi urbani, sporcizia: a un anno dalle segnalazioni non è stato fatto nulla»

Elisa Calamari

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

15 Ottobre 2021 - 09:59

Cremona, Bagnara alza la voce:  «Dimenticati dal Comune»

Maurizio Rodolfi e uno scorcio del quartiere Bagnara

CREMONA - Il Comitato di quartiere 15 dovrà essere rinnovato nel 2022, ma intanto una parte dei cittadini si dice stanca di aspettare interventi risolutivi da parte del Comune. A parlare a nome di un gruppo di residenti di Bagnara è Maurizio Rodolfi, che ha anche formalizzato una serie di richieste a suo dire «concretizzabili con poca spesa, ma sufficienti per sistemare gli aspetti viabilistici più critici e urgenti». Più di un anno fa aveva lamentato buche, dislivelli e mancanza di segnaletica. Era seguito un sopralluogo con tecnici comunali e amministratori fra cui l’assessore Simona Pasquali, che aveva effettivamente disposto alcune migliorie. Per Rodolfi, però, ora il quartiere è «punto e a capo».

CICLABILE SENZA PROTEZIONE

Il suo lungo elenco comincia con la «scarsa segnaletica lungo la strada che dal Battaglione va verso l’ospedale» e prosegue con la «mancanza di protezioni per la ciclabile, a ridosso di una strada pericolosa dove nessuno rispetta il limite di velocità». Le proposte del rappresentante dei cittadini, messe nero su bianco e inoltrate settimane fa a Comune ed Aem, fanno riferimento ad un ulteriore incontro della scorsa primavera convocato per parlare in primis di segnaletica verticale e orizzontale, ma anche di sicurezza. «Ad oggi, nessuna risposta», commenta con amarezza il cremonese. Allegando una nutrita documentazione fotografica, Rodolfi nel suo testo ha citato la «mancanza di attraversamenti pedonali in via Bonemerse in concomitanza delle uscite delle vie laterali e intersezioni della ciclabile». Ha aggiunto la «mancanza di segnaletica verticale dei limiti di velocità nel tratto e di dissuasori non plastici per rallentare il traffico sul rettilineo». Poi ha proposto il «posizionamento dello stop o verticale od orizzontale al termine di via Bagnara, incrocio a tre vie che nessuno rispetta» e sottolineato l’assenza dell’attraversamento pedonale alle fermate bus, «che sono state cancellate durante il rifacimento del manto stradale e non ripristinate». Il rappresentante dei cittadini parla anche delle problematiche relative al traffico pesante e aggiunge che al termine della ciclabile di via Bonemerse, i pedoni e ciclisti sono costretti ad uscire sulla carreggiata: «Servirebbe un tratto ciclabile aggiuntivo di pochi metri, che garantirebbe la sicurezza di tutti e soprattutto delle famiglie con bambini che si recano a Bonemerse».

SOTTOPASSAGGIO DIMENTICATO

Fino a qua le proposte viabilistiche migliorative, ma poi arrivano anche le critiche aperte. Rodolfi, infatti, torna a parlare di degrado, citando, ad esempio, «il sottopassaggio dimenticato» con competenza dubbia e «gli sfalci poco attenti che rischiano di diventare un potenziale pericolo». Su quest’ultimo punto, infatti, racconta che lui stesso nei giorni scorsi ha vissuto in prima persona un episodio spiacevole: il suo cagnolino si è ferito ad una zampa, dopo avere camminato su frammenti di vetro. «Il punto è che questi frammenti si trovano abbastanza di frequente – spiega –, perché nell’erba vengono buttate bottiglie. E credo vadano in frantumi perché gli operatori che procedono con lo sfalcio non le tolgono prima di azionare le attrezzature, cosa che tengo a segnalare per evitare ricapiti quello che è successo al mio cane».

MANCANZA DI RISPOSTE

La conclusione di Rodolfi è amara: «Ad oltre un anno e mezzo dalle prime segnalazioni, riscontro mancanza di risposte e attenzione per il nostro quartiere. Siamo senza comitato, ma questo non comporta che i cittadini non abbiano proposte e lamentele. In tanti, infatti, si stanno rivolgendo comunque a me. Quelli elencati sono interventi di semplice risoluzione, che non prevedono costi eccessivi, quindi mi auguro possano essere effettuati».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400