Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALMAGGIORE

Avis attaccata sui social: «Ritorno economico per ogni vaccinato»

Il presidente Assandri: «Agiremo per via giudiziaria, stupide accuse su presunti interessi economici nella gestione della campagna vaccinale lasciano quantomeno allibiti »

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

14 Ottobre 2021 - 15:26

Avis attaccata sui social: «Ritorno economico per ogni vaccinato»

CASALMAGGIORE - L’Avis di Casalmaggiore ha reagito per via giudiziaria nei confronti di un commento via social in cui si ipotizzava che vi sia un “ritorno economico” per ogni vaccinato a chi organizza il punto vaccini.

IL PRESIDENTE. “Abbiamo fino ad ora adottato la politica del silenzio nonostante alcune ripetute inesattezze rispetto al ruolo svolto da Avis Sezione Comunale di Casalmaggiore nella campagna vaccinale - afferma il presidente Stefano Assandri -. Ringraziando innanzitutto coloro che non hanno mai smesso di farci sentire la loro stima e gratitudine per quanto fatto, e fortunatamente sono la stragrande maggioranza, non possiamo oggi non rispondere a quei pochi, basta probabilmente una mano per contarli, che sostengono che il ruolo di Avis e dei suoi volontari non necessiti di alcun ringraziamento in quanto tale impegno è un atto dovuto. Ci teniamo a rammentare che il ruolo di Avis doveva essere di “affitto” dei locali ritenuti idonei, dagli organi competenti, alla campagna vaccinale e di volontariato per l’accoglienza. La disponibilità invece dei suoi volontari - medici, infermieri, coordinatori e ausiliari - è andata ben oltre. Come in tante altre realtà associative in situazioni emergenziali e non solo - sottolinea Assandri -, si è basata su una disponibilità di persone che, anziché starsene comodamente sedute a casa a criticare e sentenziare, mettono gratuitamente a disposizione della comunità parte del loro tempo libero”.

Prosegue il presidente della Sezione Avis: “Non da ultimo a fronte di un presunto disservizio occorso - succede quando si lavora - le, a dir poco, stupide accuse su presunti interessi economici di Avis nella gestione della campagna vaccinale lasciano quantomeno allibiti tenuto conto che gli introiti Avis riguardano il rimborso delle sole spese vive sostenute, come luce, gas, ed utenze in genere regolarmente definite da un contratto con la direzione di Asst. Ma d’altro canto di cosa ci dobbiamo meravigliare di ciò che arriva dal mondo “Social”. Il più delle volte parole inutili che anche qualcuno ben più importante di noi ha definito “bla-bla-bla”. Non facciamo in questa sede nomi e cognomi proprio perché non ci interessa alimentare alcuna polemica senza un contraddittorio come appunto alcuni “personaggi” amano fare. Noi siamo qui, tutti i giorni, a disposizione di chiunque voglia confrontarsi, accettando, perché no, pure critiche sul nostro operato. Ma critiche costruttive e non errate informazioni o, ancor peggio, illazioni, per le quali comunque la giustizia da noi interpellata, se del caso, farà il suo corso”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400