Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

TRENI

Crema, la stazione «moderna» è in ritardo: maxi slittamento dei lavori

L’assessore Bergamaschi dopo l’incidente alla 19enne investita dal treno: «Cantiere Rfi solo in inverno»

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

08 Ottobre 2021 - 19:06

Crema, la stazione «moderna» è in ritardo: maxi slittamento dei lavori

CREMA - La riqualificazione della stazione ferroviaria, con annesso sottopasso pedonale per mettere in sicurezza l’attraversamento dei binari dove proprio l’altro giorno una ragazza è stata investita da un convoglio, è in pesante ritardo.

Sei mesi, ma potrebbero diventare otto. I lavori, in base al cronoprogramma presentato a dicembre scorso da Rete ferroviaria italiana — società competente per l’intervento — avrebbero dovuto prendere avvio a giugno.

Il cantiere rientra nel progetto Crema 2020, che vede attualmente in corso i lavori per la realizzazione del sottopasso veicolare tra le vie Stazione e Gaeta, che consentirà di eliminare il passaggio a livello del viale di Santa Maria. Già completati il rifacimento di piazza Martiri della Libertà e dell’ex scalo merci, diventato il nuovo hub dei pullman di linea, con nuova strada di accesso.

Dopo quanto avvenuto ieri mattina, con una ragazza di 19 anni che ha rischiato la vita, investita dalla motrice di un treno mentre era sul binario uno, l’assessore alla Mobilità del Comune Fabio Bergamaschi si è confrontato con l’ingegnere di Rfi Luca Cavicchioli, che segue la riqualificazione di tutta l’area della stazione ferroviaria. 

stazione di crema

Come sarà la stazione di Crema

Lo scalo è sicuro: ovviamente auguriamo alla ragazza una pronta guarigione. Confermo che c’è uno slittamento per gli interventi in programma sulla stazione, non solo il sottopasso pedonale, ma anche la ristrutturazione dello stabile con annessa sala d’attesa, la nuova pensilina al binario due e il resto dei lavori

«Lo scalo è sicuro — sottolinea Bergamaschi —: ovviamente auguriamo alla ragazza una pronta guarigione. Confermo che c’è uno slittamento per gli interventi in programma sulla stazione, non solo il sottopasso pedonale, ma anche la ristrutturazione dello stabile con annessa sala d’attesa, la nuova pensilina al binario due e il resto dei lavori. Con Rete ferroviaria italiana e in particolare con l’ingegnere, c’è una proficua collaborazione e li ringrazio. Indicativamente i lavori prenderanno il via durante l’inverno, difficile ora dire se prima della fine dell’anno o all’inizio del 2022. Siamo rimasti d’accordo di effettuare un sopralluogo sull’intera area dello scalo ferroviario, dunque innanzitutto al cantiere del sottopasso veicolare, entro la fine di novembre».

Nel frattempo, Rfi ha fatto sapere che i lavori alla stazione inizieranno entro marzo del prossimo anno.

Tra tunnel e rifacimento dello scalo, l’investimento è di 5,9 milioni di euro, finanziato per 1,77 milioni di euro da Regione Lombardia, 1.330.000 euro dal Comune di Crema e 2.800.000 euro da Rete Ferroviaria Italiana.

Critico sul ritardo il consigliere di Forza Italia Simone Beretta: «Da cittadino mi auguro sempre che gli obiettivi vengano realizzati, ma quello che rilevo e che purtroppo non è una novità, è che i tempi non vengono mai rispettati».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400