Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

GIORNATA MONDIALE

Salute mentale, natura e arte per far cadere il pregiudizio

Tutte le iniziative del Dipartimento dell’Asst: percorsi di benessere psico-fisico e sociale. L’importanza del dialogo e la sfida del Sistema Sanitario: progetti innovativi e inclusione

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

01 Ottobre 2021 - 18:51

Salute mondiale, natura e arte per far cadere il pregiudizio

CREMONA - In occasione della Giornata mondiale della salute mentale, il 10 ottobre, il Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze dell’Asst di Cremona promuove attività e percorsi di benessere psico-fisico e sociale.

Tre le iniziative in programma: l’8 ottobre, dalle 9 alle 12, sarà attiva la «Esp-Line» (linea telefonica di ascolto) e, lo stesso giorno, l’Orto bio-psico-sociale resterà eccezionalmente aperto dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17.

orto

Il 9 ottobre, alle 11, esordirà online The Collateral Beauty, la mostra fotografica virtuale realizzata grazie ad un progetto della Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza.

«La salute mentale è una sfida ineludibile che il Sistema Sanitario Nazionale è chiamato ad affrontare — asserisce Paola Mosa, direttore socio sanitario dell’Asst Cremona — e il nostro obiettivo è quello di raccogliere la sfida, offrendo progetti innovativi ai pazienti, creando momenti di riflessione con la cittadinanza e lavorando a stretto contatto con le associazioni di volontariato per promuovere la cultura dell’inclusione».

E su quale sia la linea da tenere per abbattere il pregiudizio che ancora avvolge queste problematiche, Mosa non ha dubbi: «Dobbiamo intraprendere la strada dei servizi di prossimità, mettendo sempre la persona al centro dell’interesse, per dare una risposta efficace alla complessità dei problemi connessi ai disagi psichici». 

La pandemia ha evidenziato la necessità di una maggiore attenzione alla promozione della salute psico-fisica e al benessere dei cittadini

Dello stesso avviso è Franco Spinogatti , direttore del Dipartimento di Salute mentale, che specifica come non ci sia salute senza salute mentale. «La pandemia ha evidenziato la necessità di una maggiore attenzione alla promozione della salute psico-fisica e al benessere dei cittadini — entra nello specifico Spinogatti —. Non ci siamo mai fermati e ora siamo pienamente operativi anche con il Centro Diurno, oltre che con gli incontri con i familiari e le attività di gruppo nelle strutture residenziali».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400