Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LE AMMINISTRATIVE

Tredici comuni al voto con le misure anti-Covid

Il 3 e 4 ottobre massima sicurezza alle urne, ma per gli elettori non sarà necessario il Green pass

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

22 Settembre 2021 - 06:20

Tredici comuni al voto con le misure anti-Covid

CREMONA - La Prefettura di Cremona ha predisposto i facsimile delle schede elettorali con cui saranno eletti i sindaci dei 13 Comuni cremonesi chiamati al voto il prossimo 3 e 4 ottobre. Un passaggio ulteriore verso la scadenza, dove viene definito l’ordine delle varie liste e dei relativi candidati. Il conto alla rovescia è già partito: due sono i Comuni del Casalasco che andranno alle urne (San Giovanni in Croce e San Martino del Lago); quattro quelli del territorio cremonese (Azzanello, Pizzighettone, Pieve San Giacomo e Sesto); sette i cremaschi (Spino, Rivolta d’Adda, Pianengo, Palazzo Pignano, Izano, Cremosano e Campagnola Cremasca). I cittadini potranno recarsi ai seggi elettorali dalle 7 alle 23 di domenica 3 ottobre e dalle 7 alle 15 di lunedì 4 ottobre. A seguire lo spoglio nei vari seggi. Nei Comuni sotto i 15 mila abitanti, ovvero in tutti e 13 i Comuni cremonesi in questione, l'elezione di sindaco e consiglieri comunali avviene in un unico turno senza possibilità di ballottaggio. Vince, infatti, il candidato sindaco che raccoglie la maggioranza relativa dei voti secondo un sistema maggioritario. Ad ogni candidato sindaco è collegata una sola lista con un numero di candidati al consiglio comunale non superiore ai seggi disponibili. L'elettore perciò, esprimendo la propria preferenza per un candidato, la esprime anche per la sua lista. Alla lista del sindaco spettano così i due terzi dei seggi disponibili mentre gli altri sono divisi proporzionalmente tra le liste degli altri candidati alla carica di sindaco.


I candidati sindaco sono due con le eccezioni di S. Giovanni, Campagnola, Pianengo e Palazzo Pignano (uno solo) e dei Comuni di Sesto, Rivolta d’Adda S. Martino del Lago (tre candidati). Infine, il Covid. Diramate nelle scorse settimane l’elenco dci tutte le misure a cui attenersi nei vari seggi e durante le operazioni di voto. Niente Green pass ai seggi elettorali. Saranno adottate «tutte le precauzioni organizzative e di protezione necessarie per garantire la sicurezza nell'espletamento delle operazioni elettorali e prevenire i rischi di contagio» ma non sarà necessario che l'elettore sia in possesso della certificazione ministeriale della vaccinazione. Green pass che invece sarà obbligatorio per i componenti delle sezioni ospedaliere e dei seggi speciali.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400