Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

RAPPORTO BES

Occupazione, in provincia di Cremona il calo più pesante in tutto il Nord

Secondo l'analisi dell'Istat nel 2020 il tasso lavorativo tra le persone di 20-64 anni ha patito una flessione del 4,5%

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

07 Settembre 2021 - 06:00

Occupazione, in provincia di Cremona il calo più pesante in tutto il Nord

CREMONA - L’emergenza sanitaria innescata dalla pandemia da Covid-19 ha avuto ripercussioni rilevanti sul mercato del lavoro. E la provincia di Cremona è tra quelle che hanno risentito maggiormente dell'impatto della crisi: secondo i dati Istat contenuti nel Rapporto sul Benessere equo e sostenibile (Bes), nel 2020 il tasso di occupazione tra le persone di 20-64 anni nel territorio cremonese ha patito un calo del 4,5%. Si tratta della flessione più marcata fra le province del Nord Italia.

L'effetto pandemia si è fatto sentire in particolare sulle componenti più vulnerabili (giovani, donne e stranieri) che già partivano da condizioni occupazionali più difficili. Se il tasso di occupazione in Italia è sceso in media al 62,6% dal 63,5% del 2019, al Sud si è attestato al 48%, rispetto al 71,5% del Nord e al 67,4% del Centro. Tutte le province del Mezzogiorno si collocano nella coda della graduatoria nazionale con le più penalizzate che sono Crotone (35,6%) Vibo Valentia (40,0%), Caltanissetta (41,2%), Napoli (41,4%) e Foggia (42,6%). Nel 2020 le prime quattro province con i valori più elevati del tasso di occupazione sono nel Nord-Est: la migliore in assoluto risulta Bolzano (77,2%), seguita da Bologna (76,6%), Forlì-Cesena (75,3%) e Trieste (75,1%). Il cali di occupazione più ingente si osservano a Sassari con il -6,1%.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400