Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS: IL PUNTO

Fontana: "La Lombardia resta in zona bianca, ringrazio i cittadini"

Il governatore sul possibile vaccino obbligatorio: "Meglio convincere che obbrigare, deciderà Draghi"

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

03 Settembre 2021 - 14:38

Fontana: "La Lombardia resta in zona bianca, ringrazio i cittadini"

Il governatore lombardo Attilio Fontana

MILANO - "Una buona notizia per tutti i lombardi, anche la prossima settimana Regione Lombardia sarà in zona bianca". Lo ha detto il presidente Attilio Fontana della Regione Lombardia in apertura della conferenza stampa sulla 'Pedemontana' svoltasi oggi a Palazzo Lombardia. "Tutto questo - ha spiegato il governatore - perché anche nell’ultima settimana del monitoraggio ministeriale i numeri rilevati, per il Covid-19, in Lombardia, sono stati positivi per numero di contagi, per casi in rianimazione e per posti letto occupati negli ospedali. Dati che, complessivamente, consentono alla Lombardia, grazie anche all’impegno dei cittadini lombardi e al buon andamento della campagna vaccinale, di restare in zona bianca". "Continuiamo così - ha concluso il presidente - rispettando le norme sul contenimento del virus".

Sull'obbligo vaccinale anti Covid "deciderà il governo, noi non possiamo decidere minimamente, quindi il presidente Draghi saprà cosa deve fare", ha detto Attilio Fontana. Sollecitato dai cronisti presenti sull'obbligo vaccinale, dopo le sue dichiarazioni di ieri con cui sosteneva la necessità di una "libera scelta" nel vaccinarsi, il governatore lombardo ha risposto: "Non è che io mi sia espresso contro: meglio che la gente si convinca, è chiaro che il convincimento comporta una maggiore predisposizione, una maggiore serenità nell’affrontare la vaccinazione". Per Fontana "bisogna guardare la storia e i numeri. La storia ci dice che le grandi malattie sociali sono state abbattute grazie alle vaccinazioni, e i numeri oggi ci dicono che da quando abbiamo vaccinato, sono crollati i numeri più gravi, ovvero quelli dei decessi e dei ricoveri nelle terapie intensive e negli ospedali. Quindi - ha concluso - faccio fatica a capire la logica di chi si oppone. Anche se il vaccino è stato fatto in poco tempo, funziona, quindi non ci sono motivazioni per sostenere il contrario". (ITALPRESS)

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400