Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA POLEMICA

Piante tagliate, Poli attacca Ventura: "Improvvisa conversione neoambientalista"

E il capogruppo del Pd annuncia: "Il piano del Verde nel suo complesso verrà presto presentato in Commissione"

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

01 Settembre 2021 - 16:25

Piante tagliate, Poli attacca Ventura: "Improvvisa conversione neoambientalista"

CREMONA - "Sulla questione dell’abbattimento delle piante ne abbiamo sentite di tutti i colori, in particolare dal consigliere Marcello Ventura che con improvvisa conversione neoambientalista passa con disinvoltura dalla minaccia di una denuncia in procura per i tagli alla contestazione di un tardivo intervento": così il capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Roberto Poli, interviene nella polemica sul taglio di 133 alberi sul suolo comunale. "Premesso che è davvero un dispiacere procedere ai tagli di piante nelle vie della città - prosegue Poli -  è necessario però affrontare il tema con razionalità e non cavalcando con superficialità l’onda emotiva che l’abbattimento delle piante porta con sé. Come sostenuto dai tecnici e come suggerisce il buonsenso, le piante hanno un ciclo di vita e pertanto, a maggior ragione se all’interno del centro urbano, vanno manutenute e, quando diventano pericolose per la sicurezza, abbattute. Soprattutto se sono state piantate, come purtroppo accaduto in passato, in modo non attento rispetto alla crescita attesa e alle relative distanze".

Poli torna dunque a legittimare le ragioni e le conclusioni dello studio condotto su circa 400 alberi collocati sul territorio comunale. E rimarca: "La valutazione della pericolosità delle piante è stata fatta da uno studio qualificato di agronomi sulla base di valutazioni anche strumentali. Se 133 alberi sono stati classificati nel gruppo a maggior rischio di cedimento, è purtroppo inevitabile e necessario per la salvaguardia delle persone e delle cose procedere all’abbattimento. Ma poi l’Amministrazione, come già a più riprese dichiarato, procederà a ripiantumare nelle vie alberate coinvolte dai tagli nuove essenze adatte, alle distanze idonee e con le dimensioni congrue. A breve verranno tolte le ceppaie e nella stagione silvana, cioè a partire dal prossimo novembre,  si provvederà alle nuove piantumazioni, essendo un obiettivo nostro avere una città più verde e più alberata. Come è dimostrato dai fatti e dai numeri. Nel territorio comunale si contano 26000 essenze, con un forte incremento negli ultimi anni. Per rappresentare il piano del Verde nel suo complesso e per approfondire il merito della questione il Presidente della Commissione Ambiente Giovanni Gagliardi sta procedendo alla sua convocazione".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Aletti.renzo

    01 Settembre 2021 - 18:53

    Ah è vero gli ambientalisti sono solo di sinistra, hanno loro il marchio D.O.C. ,sono loro al di sopra della plebe, gli eletti.

    Report

    Rispondi

  • Aletti.renzo

    01 Settembre 2021 - 18:53

    Ah è vero gli ambientalisti sono solo di sinistra, hanno loro il marchio D.O.C. ,sono loro al di sopra della plebe, gli eletti.

    Report

    Rispondi